Giorno: 16 gennaio 2019

Supernove (Sartoria Utopia 2019)

SUPERNOVE – POESIE PER GLI ANNI 2000 (Sartoria Utopia, 2019).

Cinque artiste unite in un collettivo per una poesia attiva che integri la dimensione estetica e etica,  che sia punto di partenza per risanare/inventare parole, cose, creature, mondi.
Poesie come messaggio, rimedio, ponte, manciata di sassi.

Manuela Dago, Roberta Durante, Francesca Genti, Francesca Gironi e Silvia Salvagnini danno vita a un lavoro corale dove le parole della poesia si intersecano con immagini fotografiche e collage.

Il cofanetto Supernove-Poesie per gli anni 2000 contiene 47 cartoline da spedire o conservare, per una poesia che sia messaggio e ponte di comunicazione privato e politico, fuori da una inattuale turris eburnea, dentro la durezza della realtà e la dolcezza della vita interiore.

Manuela Dago nel ciclo Rotocalco Micidiale realizza poesage di matrice dadaista, dove parole e immagini operano un cortocircuito beffardo e spiazzante, giocando con eleganza formale e forza poetica con luoghi comuni e attualità.

Roberta Durante, da un dolce e sconnesso paesaggio interiore, spedisce le sue Cartoline Siberiane, biglietti e messaggi, dove aleggia il mistero di un lessico familiare che invita il lettore a scaldarsi sulla soglia di una stanza illuminata in mezzo al nulla.

Francesca Genti, in amoroso dialogo con i trovatori provenzali, compone il poemetto i baci si possono dare ragionando sui limiti desiderio e sui confini dell’Altro da Sé, sull’eros e sulla sua sublimazione, sulla matrice di una poesia che ha come legge e fine un’inesauribile nostalgia di conoscenza tramite i sensi.

Francesca Gironi, affiancata dalle meravigliose fotografie di Francesca Tilio, con le poesie Faccio una bambina e Le femmine sono stupende mette a punto due piccoli e potenti manifesti politici che parlano della condizione e del coraggio delle donne, parole oneste e crude, senza perdere la tenerezza.

Silvia Salvagnini, tramite delicate immagini e parole sussurrate, orchestra cura nei luna park,  manifesto ecologista in versi e rime, dove semplicità e musicalità danzano insieme su una melodia di carillon, per rimediare disastri e ipnotizzare l’apocalisse.

(altro…)

Caregiver Whisper 54

Mio padre Sebastiano è morto l’11 novembre 2016 per le conseguenze di un adenocarcinoma. A Lucia, mia madre, è stato diagnosticato nel 2014 il morbo di Alzheimer. Quando si è ammalato, mio padre ha iniziato a raccontarmi la sua vita mettendo, così, ordine anche tra le testimonianze confuse di mia madre. Lei ha disimparato cose elementari come vestirsi in modo corretto, lavarsi e mettere le cose in ordine. Io sono il suo caregiver. Come molti altri malati nelle sue condizioni, è spesso irascibile e aggressiva perché non ha più gli strumenti per decifrare cosa le succede intorno. In Caregiver Whisper racconto piccole storie di vita nella malattia, tra le mille difficoltà con cui mi sono dovuto misurare, il più delle volte da solo, e l’ironia che ci ha aiutato a non impazzire nei momenti più difficili. Questa rubrica è dedicata ai miei genitori, alle persone che mi sono state accanto in questo percorso e a chi si trova, come me, a guardare in faccia la realtà, cercando di elaborare un lutto che lutto ancora non è. (altro…)