Giorno: 5 agosto 2018

PoEstate Silva #28: Luca Comoretto, da “Sternel”

 

Quei dela mé età i sta lì,
che i par neanca piombi.
I discóre, pò i bée ‘n póco de vin
e i deṡmentega o, pèṡo, i deventa òmeni
sól cól fià e ‘l baṡo dela bala.
Alóra sì che i parla volentiéri
par ṡmagràr él tempo,
tra ‘no sguardo anoià e l’altro,
de quésto o de quélo, dela festa
o de rivolusioni “par proàr”, de miṡèrie negre
o de pòri muli ṡbarcadi sensa vóia
in ‘stó ‘nferno diṡeredà.
Ma se te scólti bèn
l’è sempre ‘na riṡada drio l’altra,
‘na comprensión par finta,
parché no i è mia lóri a discórar
ma ‘sti tempi moderni
che i g’a mutà l’acqua ‘n piso
e la pietà ‘n una ciàcola strasa…

Quelli della mia età stanno lì, neanche sembrano sani./ Discorrono,
bevono un sorso di vino/ e dimenticano, o peggio, diventano uomini/
soltanto col fiato e il bacio dell’ubriachezza./ Allora sì che parlano
volentieri/ per far dimagrire il tempo,/ tra uno sguardo annoiato e l’altro,/
di questo e quello, di festa/ o di rivoluzioni tanto “per provare”, di
miserie nere,/ o di poveri muli sbarcati senza voglia/ in questo inferno
diseredato./ Ma se ascolti bene/ è sempre una risata dietro l’altra,/ una
comprensione per finta,/ perché non sono loro a discorrere/ ma questi
tempi moderni/ che hanno mutato l’acqua in piscio/ e la pietà in una
chiacchiera straccia…

 

‘Sto çiél insaonà de nùgole griṡe,
‘ste vie fate a ciòtoli e ciche sliṡe,
‘sta boca ‘mbombegà de suoni sensa saór…
L’è vérghene ‘l late ai ṡenoci de ‘sta cità
o i’è ‘ste róndene mate che le ciapa e le va…
L’è ‘l borbotàr de ‘n gomitolo che ‘l se désfa
o ‘n tòco de pan con rento ‘na piéra…
L’è vérghe scago e pantesàr, nel védar
che i ride de ‘n fiól có ‘n libro par man…

Questo cielo insaponato di nuvole grige,/ queste vie fatte a ciottoli e
mozziconi di sigaretta,/ questa bocca fradicia di suoni senza sapore…/ È
averne il latte alle ginocchia di questa città/ o sono queste rondini matte
che prendono e vanno…/ È il borbottare di un gomitolo che si disfa/ o un
pezzo di pane con dentro una pietra…/ È avere paura e boccheggiare, nel
vedere/ che ridono di un ragazzo con un libro per mano…

(altro…)

PoEstate Silva #27: Biagio Cepollaro, da “Al centro dell’inverno”

da Tra i due lembi della notte

 

il corpo sfoglia i decenni come fa per i petali della margherita
ciò che sembrava il tempo lungo di una vita si conferma ora
un battito di ciglia: prodigiosa è questa capacità
della specie di ricordare e trasmettere. miracolosa è questa
sua capacità di bellezza nel cuore di un’eterna barbarie

 

il corpo svegliandosi nel sorriso dell’altro si raccoglie tutto
nel semplice e nudo della vita. le sue pulsazioni sono gli accenti
di un dire che conclude la frase solo per cominciarne un’altra
il flusso che lo innalza è lo stesso che ha spinto la notte
fino alla sua placida estenuazione: la luce è fiato che riprende
è provvisoria e pacifica neutralità delle cose del giorno

 

 

da Umido e luce

 

il corpo al centro dell’inverno si copre come può. eppure
non bastano le maglie né gli strati che allontanano la pelle
dalla distanza gelida del sole. basta poco per gettare
una metà del pianeta nell’oscurità. qui
anche i pensieri faticano a formarsi e infiammano
le mucose cibi troppo speziati per consolazione

 

il corpo al centro dell’inverno resta in bilico: il freddo
è luce metallica che preme sulle palpebre è il tunnel
che sembra non avere uscita. ci si scalda le mani
ci si abbraccia anche: si attende che il caldo nasca
da non disperdere nulla dal trattenerci davvero qui

 

 

Biagio Cepollaro, Al centro dell’inverno, L’arcolaio 2018
(qui le poesie del Prologo)