Giorno: 4 aprile 2018

Carola Minincleri Colussi: inediti

Espiazione

Pantaloni taglia 40
non ho più pelle, solo squame
scalza sull’erba, sul cemento
Lividi che non so mai da dove
come per chi cade continuamente

Chissà cos’è il sentire lieve,
forse è questo vento estivo
mentre scrivo seduta alla finestra,
più silenzio di quanto ce ne sia fuori
grata a quel lume
che regge a tutte le tempeste

Seguo i riflessi del brillante
sulla mia mano destra
e incontro un piccolo fiore incastonato
nel letto dell’unghia
bianco e argento

Mi affaccio da finestre estranee
Fuori il sole forte,
io forte
pezzi di ghiaccio staccano
dal mio stomaco
cadono come stalattiti
che perdono l’orientamento

Siamo corpi caldi
mossi dai fili delle emozioni
Entrano altre vite
nelle nostre vite
a volte con modi educati guardano tutto
senza invadenza
oppure come cieche furie
devastano la teca dei cristalli e l’erba del giardino

Un abbraccio e un paio di mou
potrebbero riempire
lo spazio della solitudine
tra corpi grandi e fragili
e corpi secchi e soli.

.
(altro…)

Caregiver Whisper 19

Mio padre Sebastiano è morto l’11 novembre 2016 per le conseguenze di un adenocarcinoma. A Lucia, mia madre, è stato diagnosticato nel 2014 il morbo di Alzheimer. Quando si è ammalato, mio padre ha iniziato a raccontarmi la sua vita mettendo, così, ordine anche tra le testimonianze confuse di mia madre. Lei ha disimparato cose elementari come vestirsi in modo corretto, lavarsi e mettere le cose in ordine. Io sono il suo caregiver. Come molti altri malati nelle sue condizioni, è spesso irascibile e aggressiva perché non ha più gli strumenti per decifrare cosa le succede intorno. In Caregiver Whisper racconto piccole storie di vita nella malattia, tra le mille difficoltà con cui mi sono dovuto misurare, il più delle volte da solo, e l’ironia che ci ha aiutato a non impazzire nei momenti più difficili. Questa rubrica è dedicata ai miei genitori, alle persone che mi sono state accanto in questo percorso e a chi si trova, come me, a guardare in faccia la realtà, cercando di elaborare un lutto che lutto ancora non è. (altro…)