Giorno: 8 marzo 2018

Inediti di Francesca Santucci

Madre

Se non rispondo alla tua chiamata è perché
mi piace cercare sullo schermo una fila di quadrati
minuscoli e bianchi disposti a comporre il tuo nome
e il fondo è nero, chiuderti in una sequenza di numeri che
in nessun modo corrisponde alla tua bocca, e
mi piace anche sapere che la casa è tutta deserta, conoscere
con esattezza l’azione che compi in quel pomeriggio
preciso (la mano all’orecchio lo sguardo oltre
il vetro): acquisire i tuoi atti, sottrarti
i miei. La casa è tutta deserta: tu mi chiami e
io lo vedo che mi vuoi parlare.

 

*
Niente separa lo spazio come questo muro
fatto di mattoni rossi e formiche e lì dell’erba:
non c’è intorno la moralità del sonno che merita
il luogo, una vista che non sia la tua a metterlo
nelle tre dimensioni, qualche ombra che si allarghi
e il poco che serve a fare di una giornata
una giornata. Pensi alle cose fatte di immagini semplici
(il contorno delle nuvole col pastello azzurro, e dentro
il foglio è bianco): ti muovi osservando queste linee
elementari, come i bambini quando imparano che dentro
l’obiettivo si sorride, perché lo devi dire
che sei stato felice.

 

(altro…)

Rossella Frollà, Eleanor (Nota di Enzo Rega)

Rossella Frollà
Eleanor. Non fummo mai innocenti: dalla Bosnia alla Siria

Nota di Enzo Rega

 

Un libro complesso questo di Rossella Frollà, Eleanor. Non fummo mai innocenti: dalla Bosnia alla Siria, Interlinea Edizioni, 2017: una poesia civile che ha però una sua particolarissima declinazione. Il libro affronta alcuni dei fatti storici o delle emergenze umanitarie più gravi dei nostri tempi – dalla guerra in Bosnia del 1992-95, all’attentato dell’11 settembre a New York e agli attacchi terroristici recenti di Parigi e Bruxelles, alla guerra in Siria, con sullo sfondo perennemente la drammatica questione degli sbarchi a Lampedusa o in Grecia. Ma benché Eleanor, che dà il suo nome al libro e voce agli eventi, sia una reporter, questi fatti non sono vissuti sul piano della cronaca, anche se i riferimenti agli accadimenti sono ovviamente presenti. Quello che la poesia registra è invece l’impatto dei fatti su chi ne viene a conoscenza: quello che qui conta è il loro riverberarsi nella coscienza che li rielabora e ne espone l’essenza in una scrittura alta, universalizzante. I testi, i singoli poemetti, si articolano in un macro-testo – il poema che ne scaturisce – nel quale Eleanor interloquisce, ma non nei toni di un dialogo corrente e corrivo bensì elevato, con Anima e Verità, mentre interviene come nella tragedia greca il Coro; e qui e là compaiono altre figure, come l’Ombra (nel poemetto La principessa).
Nella Premessa, vengono specificati i diversi “ruoli”: Anima e Verità «trasportano la fragilità che è in noi con tutti i suoi detriti. […] Il Coro puntualizza i fatti e l’Io della reporter imbocca le stanze delle domande e vive autenticamente le contraddizioni del mondo in una realtà immaginifica, visionaria mai destituita di senso, nella coincidenza delle cose tra Verità e Bellezza, in quell’andare oltre anche del male» (p. 5). E l’autrice cita di seguito i suoi stessi versi: «Le bombe e le granate a Sarajevo/ e le botteghe a Djerba e Marshalam/ illuminavano le nuche scure/ nelle parabole di primavera». E la primavera appare come un simbolo di rinascita contro il cielo foscamente illuminato dalle bombe. I nomi fatti in questi versi già disegnano un’ampia zona che costeggia tutto il Mediterraneo, centro di almeno una parte delle storie che attraversano questo libro. Da Sarajevo, capitale della Bosnia-Erzegovina, ai piedi dei Monti Dinari; a Djerba – isola tunisina dove si sono incontrati berberi, arabi, ebrei e popolazioni africane; a Marsa Alam, in Egitto, sulle coste orientali del Mar Rosso: antica località di pescatori il cui nome (possiamo notare) richiama quello della nostra Marsala, ovvero il Porto di Allah. (altro…)