Giorno: 16 novembre 2017

Andrea Chinappi, da ‘Poesie d’ansia e di giovinezza’. Inediti

1
Il tragico è stanco

È uno stormire di volti
nella mia terra stanchi
lividi sotto gli olivi rigonfi
in autunno.

Un profumo di teste
bruciate
si mischia ai fiori
pestati teste riarse
dal sale vecchie necessarie.
……………………..Ma si muore,
nella mia terra,
nell’ora della clessidra
girata
come trafitti dall’incupirsi
al neon
come una vecchia cartaccia
spezzata che più non cuce
nessuno.

*

2.
a Valentino Zeichen

Mi sono venute a noia le fotografie
o a orrore perché scorgo nei miei occhi
una futura pazzia uno sguardo
malconcio di suicida
di reietto.
……………Sarei tentato
di scollarle tutte per giocare con te
a rimescolarmi il passato affinché possa la combinazione
giusta salvarmi

ma invano mi accingo all’impresa.
Trovo al mio fianco il tuo sorriso
angelico e la mappa delle mie speranze
di vita segnata da qualche parte
su uno schermo.

(altro…)

Maria Allo, Su Jolanda Insana

Jolanda Insana, foto di Dino Ignani

Maria Allo, Su Jolanda Insana

L’anno 1977 segna l’esordio tardivo nella poesia della quarantenne Jolanda Insana, quando un gruppo di testi di Sciarra amara è presentato in un quaderno collettivo della casa editrice Guanda, diretto da Giovanni Raboni, poeta e militante nella critica in primis letteraria, ma anche teatrale e cinematografica che, sbalordito dalle schioppettate linguistiche della “Pupara”, così scrive: «[…] dietro o al di là della beffa, dietro o al di là dell’acuto, atroce sarcasmo, è in ogni caso, e senza scherzi, questione di vita o di morte: ed è questo, certo, a far circolare nella poesia della Insana, nel suo personalissimo impasto di sostenutezza aulica e gesticolante allegria dialettale, nel suo epigrammismo che, per naturale paradosso tende a farsi voce ininterrotta, declamazione, poema, una vena di minacciosa, rabbrividente cupezza.» Jolanda Insana è voce poetica italiana fuori dal coro. Sciarra è termine siciliano che viene dall’arabo šarra e insieme letterario che significa rissa, «conflictus tra la vita e la morte».

io infuoco la posta
in questo gioco che mi
strazia
e punto forte sulla carta

Impasto verbale di lingua italiana, dunque, e dialetto siciliano, a tratti duro, per scardinare il conformismo dell’Italia degli anni Settanta e la mancanza di senso. Insana dice che la parola è voce della carne e la poesia è medicina carnale, così dai dettagli di un particolare stonato, “picciùsu”, cerca di sprigionare un senso che vada al di là della superficie, una grande occasione di vedere il male e di non arrenderci a esso. Per questo Raboni ha potuto parlare della «concretezza visionaria» di una voce che, prendendo le distanze dalla massa, riesce a cogliere le storture dell’esistenza e denunciarle. Da questo punto di vista il plurilinguismo di Jolanda Insana e i testi delle sue raccolte poetiche, caratterizzati da un vero e proprio “bombardamento” lessicale con termini letterari, insieme a voci dialettali e neologismi, hanno una cifra inconfondibile che si riconosce non solo nella concretezza ma anche nella continuità con la tradizione, che la spinge in direzione della nostra povera, martoriata, meravigliosa lingua italiana. La ricerca poetica di Jolanda Insana è “lazzariata” dall’esperienza nella sua infanzia della seconda guerra mondiale, dai bombardamenti delle forze alleate e dalla miseria. (altro…)