Giorno: 22 ottobre 2017

I poeti della domenica #208: Isa Miranda, Ricordo

RICORDO

Piove.
In un angolo della stanza
vorrei tu fossi con me seduto.

Con angeli e fiori di carta
per ricordare l’infanzia
vorrei con te giuocare.

Di te
che m’insegnasti la prima bugia
più non ricordo il volto,
più non ricordo la voce.

Per quei giorni dalle ignote speranze
per quelle notti cieche d’ogni sogno
lagrima il mio cuore
come una rosa sotto la pioggia.


© Isa Miranda, in «La Fiera Letteraria», Anno VII, n. 22, 1 giugno 1952

I poeti della domenica #207: Giancarlo Majorino, Stanno qui, per molte anse…

 

Stanno qui, per molte anse, in isole
minime, note o ignote, frammezzo a nuvole,
le opere, i velieri
carbonizzati, da vegetazione
coperti, entro la quale
puoi scorgere la punta del maestro
alberto, antenne quasi
quasi d’una remota televisione;
o nel moto lunare puoi udire
oltre la marea stridere il legno
non più da corde e chiodi connesso ma
spaccantesi, nel centro, per più lati
lo forano, scrostandolo, le bestie blu del mare
presente, già passato, nel suo continuo andare;
tuttavìa una scritta, leggibile a fatica,
può capitare, lungo l’arso fianco,
stinta di nome o altro, quale nell’aria
tra la faccia e il banco nelle carte
richiesta, inaspettata, sìano pergamene
sìano d’oggi, fresche, intere, scoosciute
o prive, quelle lettere, pure con lacune,
di

così stanno per molte anse o scaffali,
quasi attendono mani e teste-lampade,
i velieri semicancellati
dal vento o dal silenzio, sulla rena o in acqua,
fermati da una screpolata àncora,
immoti o quasi, sole pioggia luna notte aurora

 

© da Testi sparsi (1981-1987), in Giancarlo Majorino, Autoantologia, Milano, Garzanti, 1999