Giorno: 25 agosto 2017

#PoEstateSilva #38: Sacha Piersanti, da Pagine in corpo

 

Epiplèttein

L’odore del mirto
difficilmente si dimentica,
se pietrificato nel cuore
che credevo da Medusa colpito.
Il vento cementificato
nella spiaggia del possesso
– il tuo, il vostro: ché mio
è il tempo di dirti vuoto
e Vita darti –
ulula e impreca.

Conto le pietre sulla schiena
verso me schierata
senz’armi e senza orgoglio
offertami,

per poi cambiare
il corso del Mondo
(la sinonimia dell’ardito ardore
fiammeggia nell’antico flusso
di concetti che trovan stallo in Te)
e attraversare litri di vita
infiggendo il pianto estremo
nel tempio votato a chiamarmi.

Finché sarò grano
volerò per la piana
dal morbido fulmine:
il ricordo; il rintocco; l’artistico
volteggio della caccia al già
posseduto.

Le mie labbra affannate
sullo squarcio del sipario
restano l’Inesprimibile
più compreso.

#PoEstateSilva #37: Luca Bresciani, tre inediti

 

L’onestà dei sassi
voglio nei miei occhi.

Nessun abisso è così vero
come vicino a chi lo ha vissuto
oltre la buccia del senso
sino ai semi del pianto.

L’onestà dei sassi
voglio nei miei occhi
per vedere vivo ciò che è duro
dando al dolore il mio primo bacio.

Chi bacia il dolore sulla guancia
è pronto a tener per mano la giustizia
ma chi bacia nella bocca il dolore
è pronto a far l’amore con l’amore.

* (altro…)