I poeti della domenica #187: Dario Capello, Centrale

 

Centrale

 

Invece li vedi
scendono dai treni si corrono incontro
dappertutto
orizzonti, punti cardinali, sillabe
sgranate.
Hanno lasciato a sé
il senso di esistere
nella spina dorsale dove entra
esce dagli uni agli altri
l’interno, l’esterno di chi si getta
al collo di qualcuno.

Ti domandi dove ha fallito
Orfeo, nell’apparizione
dei pedoni che cercano il centrocittà,
pochi isolati, poi le cabine
dei telefoni, poi nulla.

da Il corpo apparente, di Dario Capello, Cdc Poesia, 2000.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: