Giorno: 6 novembre 2016

I poeti della domenica #112: Pierluigi Cappello, L’autostrada

cappello

L’autostrada

È stato appena detto
.                                guarda, una lepre
da dov’era al più fitto del bosco
è rimasta l’idea di un tema interrotto,
la felicità di quando non la si contiene
e scoppia via, lontana da noi. Da queste parti
c’è chi ha visto la lince, è capitato anche a me
anni fa, nel cuore della notte, vicino a un deposito di munizioni.
Cercavo Sirio per avvicinarmi al cielo e ho trovato la lince,
alle mie spalle, con gli occhi di madre arrabbiata. È stato come se il nulla
avesse lasciato un varco e fosse sbucata
l’illustrazione di un libro di scuola
la bestia era lì, a due passi da me
e ho dimenticato lo splendore delle stesse fisse.
Non rimarremo qui senza uno scopo,
qualcuno dà per certa la presenza dell’orso
viene da est, e, come gli abeti, pare si avvicini sempre di più
a queste poche case. Invece non c’è chi non veda
come l’autostrada ha tagliato la pancia alla valle
e la gola di chi è rimasto;
mentre nevica no, il taglio si fa meno inciso
tutto si allontana, magari si diventa molli come erbe nell’acqua
e lo sguardo rinasce nello sguardo
di come le cose erano vere per la prima volta, nell’innocenza
e il ceruleo di un giorno di settembre
precipita in gola, il pallone sembrava tornato dalle nuvole
tanto in alto era stato lanciato dal padre
e c’era l’odore del fieno radunato prima della pioggia
e sempre queste poche case e tutto non è stato toccato
ancora non è stato toccato
ma si ferma in gola, al di qual del dire. (altro…)

I poeti della domenica #111: Andrea Zanzotto, “Silvia, Silvia…”

zanzotto-conglomerati

Notte del 20-21 marzo 2001
equinozio di primavera

 

Silvia, Silvia là sul confine
quasi aspra, quasi
imperterrita, sentendo
nel primo farsi della giovinezza
autodisfarsi il tuo corpo,
che non è corpo, che non è luogo,
che non è stasi, ridominio ma
collocazione di stoico muto furore
.              muta, innocente impossibile indifferenza –
.              tu che ti sentivi progettata – ecco –
.              in altre “lingue”, in altre strutturazioni
.                             di te, che non possono in alcun modo ferire
.                             perché tutto in te “avrebbe” fine con te
.                                                      ma non l’ha
.                             a tutto opponi la lingua ungherese
.                             una muraglia ungherese perfetta e priva
.                                            d’ogni superbia ma vettore
.                                            interminabile d’estraneità
.                                            alle lingue, al mondo, alla breve
.                                            fessura di questa che vita diciamo
.                                            e non lo è che in parte, autodeterminandosi
.                              oscure, schiamanti, taglienti tessuti di lingua ungheresi
.                              ti sostengono, seguono, inseguono e tu
.                              a noi lasci il tuo indicibile
.                              segnale di tremenda energia
.                              il tuo sguardo sfidante innocente
.                              l’estremo luccichio della tua mente
.                              che laggiù nuota verso i canneti dell’ungherese
.                              e in esso ci abbandona ma
.                              non più abbandonandoci perché è già eternità –
.                              nel senso di inconoscibilità di maschera
.                              più luminosa che lo stesso tuo lago nel suo
.                              momento che di fresco-sereno domani
.                              fu da te dominato e suadente qual frutto
.                              maturo e inconoscibile, illinguibile, tu
.                                                           “Jó estét, kisasszoni!”
.                                                           mi risuoni di ricordi
.                                                           lontani di lontananze
.                                                           di mia madre lassù
.                                                           verso il tuo lago
.                                                           ossequiata da ungheresi invasori.

.

© Andrea Zanzotto, Conglomerati, Mondadori, 2009