Giorno: 9 settembre 2016

Festlet! #2: ereditare

Foto G. A.

Foto G. A.

Per festeggiare il ventennale, Festlet incontra quest’anno, per venti minuti ciascuno, degli scrittori che sono liberi di parlare del libro che hanno letto a vent’anni (la ricognizione è aperta, però: potete twittare il vostro libro a #librodei20). Per tornare al tema di ieri sul corpo, Chiara Valerio, ad esempio, ha parlato di un libro che avrebbe voluto leggere a quell’età ma aveva letto a sedici, Tra un atto e l’altro di Virginia Woolf, da lei recentemente anche tradotto per nottetempo. Forse è della rappresentazione di noi, come ha detto stamattina Antonio Prete parlando dell’autoritratto in pittura, che lasciamo l’eredità più ballerina; lo stesso Borges, ha raccontato Alan Pauls, a un certo punto della sua vita si è tolto un anno per far coincidere la sua nascita con il 1900. Parlando ancora del Libro dei vent’anni, Giorgio Ghiotti ha ereditato l’amore per Natalia Ginzburg (e poi tutti i suoi libri) dalla nonna, che una sera dei suoi dieci anni ha iniziato a leggerla per lui dopo che aveva dimenticato il libro per ragazzi che aveva con sé.
(altro…)

Claudia Zironi: Fantasmi, spettri, schermi, avatar e altri sogni

zironi

Claudia Zironi: Fantasmi, spettri, schermi, avatar e altri sogni, Marco Saya, 2016, € 14,00

Nota di lettura di Luigi Paraboschi

questa sensazione che mi prende
di non bastare a me stessa

Mi piace aprire la lettura di questo libro, riportando come esergo due versi che mi hanno colpito di una poesia del libro precedente della stessa autrice:  Eros e Polis – di quella volta che sono stata Dio nella mia pancia, del 2014, perché questo ultimo lavoro  mi ha fatto constatare come il suo  percorso interiore di ricerca iniziato nel 2012 con Il tempo dell’esistenza  sia approdato con la sua ultima raccolta ad una visione esistenziale di certo più ampia rispetto alle precedenti, ma anche più “ devastata “ sul piano dello sguardo che ogni artista ha sul mondo. Si esce dalla lettura di queste pagine con la sensazione che ancora oggi, a distanza di quattro anni durante i quali di certo altre esperienza si saranno accumulate nel suo spirito, quel disagio, quel malessere di “non bastare a se stessa” siano rimasti quasi integri, anzi direi che da quanto leggiamo nei versi che seguono, quel bisogno, quella insoddisfazione si siano accentuati.

parliamo di ontologia a un’ape
citiamo l’essere guardando il cielo
con un telescopio. pensiamo
a un dio che a propria immagine
crei un batterio.
guardiamo al tempo
se ne siamo capaci.
consideriamo l’etica e la morale
per la loro durata e il loro effetto.
contempliamo l’inesistenza, poi
produciamo arte.

Nella prefazione Francesca Del Moro , che molto acutamente introduce al testo, rileva questa annotazione che non si può non condividere:

«l’autrice si mostra pienamente consapevole nel costruire un’opera complessa che delinea un viaggio in quattordici stazioni, nel quale l’io narrante si sdoppia nei ruoli che furono di Virgilio (e poi Beatrice) e Dante.»

È il narrare di un viaggio che  Zironi compie non solo dentro se stessa, ma anche all’interno delle contorsioni che spesso accompagnano l’animo umano, presentandoci tutte le paure ( specie quella della morte, onnipresente in molte pagine) sue ma non  solamente sue. E l’inizio si apre con i FANTASMI, dei quali il primo, anche se mai nominato, appare essere un Dio estraneo al dolore in cui noi ci dibattiamo:

dimmelo tu
che solo inesisti e taci
perché sono così affranta
dal disastro.
eppure
siamo qui, vivi, errori tuoi e separati, prova

della tua fallibilità, ché se ci avessi fatti uno
tutto questo dolore non esisterebbe. invece
ci sono figli, amanti, amici, assassini, folli
e ubriachi, come bestemmie
camminano nel mondo, senza un solo
vasto pensiero d’infinito.
e c’è la guerra, c’è l’odio
ci sono la malattia e la perversione.
c’è perfino l’amore.

Un altro fantasma sembra essere  la poesia, quando l’autrice si domanda nell’introduzione in prosa del suo cammino spirituale, intitolata Fantasmi «E se la poesia si reggesse sull’equivoco di viste sospese », per concludere poi  così: »se fosse un difetto dell’amore, come un gene zoppo, una mancanza partorita, quest’arte ? Se fosse sintomo di un fantasma della mente ?»C’è un tu dialogante che accompagna molte delle poesie, quasi a sottolineare il bisogno dell’autrice di aprirsi, di conversare, di riversare il suo mondo nel contenitore che lei chiama «AMANTE» togliendo però a questo termine tutta la carica che una certa letteratura gli assegna, per leggerlo invece come bisogno di aprirsi ad un tu  metafisico sì, ma non in senso religioso. Infatti, in un’altra delle prefazioni ai capitoli, troviamo questa affermazione : «non saremmo nulla se non soli, se tu esistessi amore»E quanto sopra affermato è stupendamente espresso in questa poesia, che  considero una delle più riuscite sul piano poetico , e mi sono permesso di ripartirla in terzine, contrariamente a come l’autrice l’ha voluta inserire, perché nella mia personale lettura ho riscontrato come le pause  tra i versi diano una morbidezza al testo che si perde quando questo è troppo accorpato:

in fondo la pioggia
specchierebbe le piazze
ugualmente triste

la malinconia dei fiori
una luce d’eclissi
sarebbero le stesse

non aumenterebbe la giustizia sociale
non calerebbe la disoccupazione
i calzoni rossi dei barboni

non sarebbero meno strappati
sulle ginocchia, meno consunti
non ci sarebbero angeli in cielo

derive quantiche di canti.
in fondo la pioggia
sarebbe la stessa.

 

(altro…)

Caterina Davinio, Fatti deprecabili. Recensione di Franca Alaimo

Davinio_Fatti_deprecabili

Fatti deprecabili di Caterina Davinio, ARTeMuse, 2015

Fatti deprecabili di Caterina Davinio s’impone all’attenzione del lettore a cominciare dal numero inconsueto dei testi (quasi quattrocento) disposti in quattro sezioni a cui segue l’ultima (minima, di solo sette poesie): Fuori testo.
La prefazione di Dante Maffia, la post-fazione di Ivano Mugnaini e la nota dell’autrice dicono di questa silloge praticamente tutto: la narratività dei testi, l’autobiografismo che, per la sua particolare qualità, si fa testimonianza di una temperie sociale, spirituale e culturale di una generazione la cui giovinezza ha attraversato gli anni della rivolta e delle sperimentazione, dal ’77 al Novanta e oltre. E, ancora, la struttura diaristica, la sincerità e, specie nelle prime poesie, la semplicità essenziale (ma quanto spesso tagliente) del versificare di Caterina, che fa della sua scrittura uno strumento insieme di documento storico, di archivio memoriale, di ricerca esistenziale e metafisica.
Dette queste cose, che sarebbe inutile ripetere magari con parole diverse, vorrei appuntare la mia attenzione su alcuni aspetti che mi hanno, fra l’altro, incuriosita molto di più (anche perché di quegli anni ci sono rimaste altre importanti e forti testimonianze letterarie): tra questi, il modo con cui l’autrice si pone di fronte a quella se stessa del passato – sregolata, disperata, affamata di scoperte e devianze – senza alcuna ipocrita autocondanna, riconoscendo da una parte il male e dall’altra non negando mai la sua angelicità non soltanto fisica, che, poi, si estende anche ad altri protagonisti di quelle notti dissipate, i quali non mancano di tenerezza, bontà, fragilità commoventi. (altro…)