Giorno: 4 maggio 2016

Nient’altro che parole, Annalisa Teodorani (di Narda Fattori)

9788858854488_quarta

Annalisa Teodorani, Nient’altro che parole, ZoomPoesia, Feltrinelli e-book

 

Annalisa Teodorani è una delle voci giovani e più significative della Romagna; ha già pubblicato quattro raccolte di poesie e la si incontra in reading cesellati dove la sua voce affianca nomi solidamente consolidati in poesia. In questo e-book di una prestigiosa casa editrice, la poesia di Annalisa si conserva scabra, con l’atteggiamento di un pugile alla difesa; l’io che prova a dirsi viene in poche righe messo a tacere, forse non ha molto da dire, molto più probabilmente teme che dallo spiraglio da cui si affaccia entrino invasori, intrusi vagabondi, pensieri di niente.
La poesia di Annalisa è materica anche quando sa di filosofia; sotto il microscopio della comprensione e della visione mette minuzie, eventi  che attraversano il quotidiano con il rischio di non essere neppure percepiti. Eppure la vita è lì, nella loro predicazione sommessa che coglie solo chi ha uno sguardo e una mente aguzza, tremula forse, ma appartenente.
Poetessa in vernacolo, la Teodorani si tuffa nella sua lingua colta: un italiano non ricercato, amico , solidale. Potrebbe osare molto di più, non le mancano gli strumenti culturali, ma non è interessata a mostrare la sua maestria; la sua esistenza laboriosa come quelle delle formiche, si palesa nelle discrasie, nell’osare dire la tristezza come possibilità di piovere, e piovere è una bella metafora per dire piangere: si piange per solitudine, per disperazione, per alleviare un’arsura, per sintonizzare le intime percezioni con un cielo grigio e avvizzito.
Questo e-book si presenta come un crogiolo di emozioni, di piccoli, grandi dolori e osa, la poetessa, anticipare con un incipit vernacolare che raccatta ricordi e meteorologie in una decina di poesie  che le servono da pedana per il salto da fare in lingua.
Discriminare fra le due forme comunicative non è puro gioco intellettuale perché ciascuna ha una sua sintassi e un lessico determinato.
Come tutti i dialetti, anche quello di Annalisa è materico, visionario ed esplorativo:

È bóffa so in muntàgna
a l vén zo
sla nàiva sòura e’ tèt
ènca i lópp
i s-cénd a vàla
mo l’è un invérni splórc
ch’u n rigàla ma niséun
e se ’dmèn un po ad sòul
e’ scàpa fura
tin dacòunt
che sprài ad luce

[È bufera su in montagna/ scendono con la neve sul tetto/ anche i lupi vengono a valle/ ma è un inverno avaro/ che non fa regali a nessuno/ e se domani un po’ di sole esce fuori/ tieni a conto/ quello spiraglio di luce]

Lo spiraglio di luce, nella sua polisemia, acquista il valore di un sole intero, è il piccolo brivido della felicità che si può presentare anche quando i lupi scendono a valle, ovvero nei tempi più duri e dolorosi. (altro…)

Una frase lunga un libro #56: Vincenzo Frungillo, Le pause della serie evolutiva

frungillo

Una frase lunga un libro #56: Vincenzo Frungillo, Le pause della serie evolutiva, Oèdipus, 2016, € 11,50

Ma tentare, bisogna tentare,
perché il vuoto valga per ciò che vale,
resti una variante, sia lo sguardo pulsante,
ci distragga per un solo istante, ci porti a fondo,
ci porti a trasformare il tempo in spazio,
in camere e strofe, ci ricordi le parole,
la nostra scommessa finale. […]

Come fosse un viaggio.
Questo libro è un viaggio, fate proprio come se fosse un viaggio, perciò sedetevi e leggete, ma, come si fa nei viaggi, poi alzatevi, guardatevi intorno, alzate gli occhi e guardate in alto, osservate, lasciatevi portare per mano. Guardate la gente, non pensate a un monumento, pensate a un mondo, fate una pausa quando credete e poi ricominciate a camminare, perché così si legge la poesia, ci si porta una borsa leggera, ci si mette in ascolto e si fa in modo che il poeta la riempia, così si legge la poesia. Così faremo con Le pause della serie evolutiva, nuovo libro di Vincenzo Frungillo.
Frungillo ha sempre fatto i conti con la storia, con la scienza, con la filosofia. Ha sempre fatto in modo che la conoscenza entrasse nei suoi versi, e facesse da tramite alla comprensione del testo; fosse cioè un codice di lettura in più: insieme alla metrica, al ritmo, alla scelta delle parole e dell’argomento. È accaduto con Ogni cinque bracciate (Le Lettere, 2009), l’indimenticabile poema in ottave sulle nuotatrici della Germania Est, dove epica e allegoria portavano a galla – è proprio il caso di dirlo -, mostravano il senso del tempo e dell’uomo, e quindi della storia, attraverso un “racconto” sportivo estremamente simbolico, per periodo e luogo di collocazione. È accaduto ne Il cane di Pavlov (d’If, 2013), dove una storia sadomaso, di sottomissione e reclusione, e di morte, ci veniva – in fondo – a dire della solitudine, dello smarrimento e di come, a volte, ci si possa riconoscere e così sperare di salvarsi negli occhi di un altro.
Il viaggio che Frungillo ci invita a fare ha come stazione di partenza un lutto, una perdita. Una cosa naturale ma estremamente complicata, come la perdita del padre quando si è ancora giovani. Quella perdita, in un dato periodo, che è quello della crescita, della formazione, quello in cui un genitore trasmette, è una lacerazione, uno strappo che genera un vuoto profondo e inesorabile.

(altro…)