Giorno: 9 aprile 2016

proSabato: Emilio De Marchi, Certe economie

imageLa mattina del 17 Giugno 1885 il camparo della grande tenuta d’Arbanello, uno dei più grossi fondi che l’ospedale d’una nostra città possegga nel basso milanese, andando per la solita ispezione, rilevò una piccola rottura in uno dei molti canali di scarico che danno da bere ai prati. Il temporale della notte aveva schiantata una pianta, scassinando con essa la testa d’un arginello, rovesciando tre o quattro mattoni che, caduti nell’alveo, turbavano per un quarto d’oncia la bocca di scarico del canale; un’inezia, ma che rubava qualche secchio d’acqua al fondo dell’Opera pia a tutto beneficio del vicino fondo del marchese Riboni. Sì sa che le questioni d’acqua son delicatissime, quanto ardenti son quelle del vino; e basta alle volte un mattone fuori di posto per suscitare un vespaio di liti e di contestazioni. La goccia, che secondo il dettato, cavat lapidem, nei fondi irrigatori semina l’oro. Per conseguenza ha fatto benissimo il camparo Bogella a non toccar nulla, ma a riferire subito la cosa al sor Mauro, il fittabile; il quale alla sua volta, non volendo avere de’ fastidi col marchese, un litichino di professione, prese la penna e scrisse direttamente all’ingegnere Martozzi dell’ufficio tecnico di amministrazione, avvertendolo che tre mattoni d’un arginello, in causa d’una pianta, eran caduti nella bocca del canale con qualche pregiudizio dei fondi dell’Opera pia.

L’ingegnere Martozzi, da quell’uomo diligente che è, portò la cosa in direzione; ma essendo fuori il cavalier Sermenza, ingegnere capo, e non avendo egli l’autorità di delegare un tecnico perito per una visita sopra luogo, lasciò passare le due feste: e al martedì, quando il cavaliere si lasciò vedere due minuti in ufficio, gli riferì insieme cogli altri affari anche intorno all’oggetto dei tre mattoni caduti nella bocca di scarico in un canale della tenuta d’Arbanello, per la quale (questo era il suo pronome favorito) ne veniva qualche pregiudizio ai fondi dell’Ospedale. Il cavalier Sermenza, che aveva in quei giorni ricevuto un favorone dall’ingegner Fraschi, rappresentante la Società d’assicurazione contro i danni della grandine (la Previdente, capitale illimitato) memore del precetto che una mano lava l’altra, fu lieto d’aver súbito sotto mano un’occasione per dimostrargli la sua gratitudine. Detto fatto, gli scrive di presentarsi al più presto ad assumere un sopraluogo per una riparazione di qualche rilievo; e la frase di qualche rilievo fu scritta apposta per dare un po’ d’importanza a una cosa che ne aveva poca in sé, ma che, come tutte le cose di questo mondo, poteva acquistarla strada facendo: e anche per far capire che la gratitudine è un sentimento, che ha anch’esso il suo bravo protocollo co’ suoi numeri di riferimento nel cuore dei buoni colleghi. (altro…)