Giorno: 21 febbraio 2016

I poeti della domenica #48. Silvia Salvagnini, Mi piace stare con le mani in pasta

silvia salvagnini poetarum

dal sito di Absolutepoetry

Mi piace stare con le mani in pasta
mi piace andare in treno
mi piace sputare addosso al pomeriggio
mi piace buttare via i doveri
ma devo fare qualcosa per buttare fuori
questo straccio di errori rivissuti
di granchi ancorati
di gatti morti.

Silvia Salvagnini, in i baci ai muri, AUTEDITORI, 2006

David Foster Wallace a Marechiaro

David Foster Wallace a Marechiaro di Gianni Montieri.
Buon compleanno a Dfw

Nota: questo post è un semplice reblog dal sito “giannimontieri.wordpress”, ed è per quello che si legge in fondo la postilla che riguardava l’anniversario della sua morte, l’autore del post conosce entrambe le date, il post originale è del settembre 2014, oggi lo abbiamo solo riproposto qui, riprendendo l’originale.

gianni montieri

DFW : Photo copyright Gary Hannabarger/Corbis DFW : Photo copyright Gary Hannabarger/Corbis

David Foster Wallace a Marechiaro

 

È sera finalmente, qui è un posto
da poeti, il resto è da non crederci
Dio non esiste, ma se esistesse, remota
possibilità, mi avrebbe spedito quaggiù

in una terra che è dopo la realtà
gente ipervissuta quindi mai nata
sono troppi e troppo rapidi, eterno
rodeo dove sei tu il cavallo e il toro

dove quando piove il mare si fa nero
scuro come la ruggine di fuori Boston
un personaggio di Pynchon, baciarti qui
mi farebbe piccolo come a Capri vite fa.

@Gianni Montieri

nota: questa poesia sarà contenuta nel volume collettivo “La disarmata”  che uscirà a breve, mi faceva piacere renderla pubblica oggi, per la prima volta,nel giorno dell’anniversario della  morte di DFW (gm)

View original post

I poeti della domenica #47. Milena Milani, La solitudine

Milena_Milani-poetarum

LA SOLITUDINE

È una tristezza vagabonda
che mi strazia
come giocano le mani
con queste intense viole
di Via Veneto.
Voi me le avete date
che io le porti
incontro al mare amico
che io le getti piano
lungo la via che corro
ansando
mentre niente d’intorno
dà gioia al mio sorriso.

Milena Milani, in Ignoti furono i cieli, Edizioni del Cavallino di Venezia, 1944