Poesie di Maurizio Casagrande. Da “Pa’ vèrghine ave”

di Maurizio Casagrande

Immagine

 

 

Opera vincitrice della Ventunesima edizione
del Premio Internazionale di Poesia “Renato Giorgi”
promosso dal circolo culturale “Le Voci della Luna”

.

Sincoantani


A ghe voe du schej de corajo pa’ vardarse
indrioschina ’a matina ca te fe sincoantani
e mi no ghi n’ò pì de tanto e gnà no go oja
de star coà rajonare so coeo ca xe ndà
o soe brose ca me ghevo
scapà
——-pa’ ’ia ca so sta on bel cojòn pa’ tuti
sti ani. Ma tanto xe istesso ca xa peto incoste
de nantra stajòn dadrio del cantòn
riva el beo ca no gheo
gnancora catà o ca no gheo bù core
de rancurare ’esso i poe ’nare anca fasseo
butare i pretoni coe so toneghe nere
tute chee sere ca i me ghea spasemà
coe so bae e col pecato mortae

ca l’è coesto el dì ca so nato e me sinto
on tosato cal s’à scatijà dae caene
col sangoe ca ghe supia so ’e vene
pa’ ’ia ca no ’l ga
gnoncora disnà

Cinquant’anni

Ci vuole un briciolo di coraggio a guardarsi
alle spalle il giorno in cui fai cinquant’anni
e io non ne dispongo più di tanto e non mi va neppure a genio
l’idea di macerarmi nel ricordo
del tempo trascorso o delle cicatrici non del tutto
rimarginate
————-dallo sciocco che sono stato
fino ad oggi. Ma non me ne curo perché è già
alle porte una nuova stagione
mi incalza quella primavera che mai
mi aveva sorriso o alla quale non avevo avuto cuore
di spalancare le imposte ora possono anche andare
al diavolo gli avvoltoi in abito talare
tutte le notti trascorse a vegliare
a tormentarmi con mille complessi

perché è oggi il giorno in cui sono nato e mi sento
un ragazzino che s’è sciolto dai vincoli
col sangue che gli ribolle nelle vene
dal momento che
non ha ancora pranzato



Acoe smarsìe

Sol canàe rente ’l ponte de Gorgo
coà so l’orlo del lago del Corlo
in costiera dea grota de Oliero
drio de l’Astico col riva San Piero
fin tea Brenta ca va drita in Laguna
ca bata el soe o faga ciaro soeo ’a luna
a xe tuta ’na struma de acoa
’na piova ca scoasi a te intorcoea
da coanto ca a dura

da Cartura finamente al Primiero
l’è on xavajo de piova e xe fredo
so sta istà ca no a voe mai rivare
ca pare no a faga on cicìn de fadiga
pa somejarghe a l’inverno
sa anca el sae tel scartosso al s’inpaca
’e vache noe lata ’e gaine noe grata
soa corte e gnà no ’e caga el so ovo
sa fìn i sorxi a s’infrata tei busi moji
dee case e nissuni ca gapia pì oja
de ciuciarse sto brodo de trare
’na scupiata danovo

co sta acoa ca s’inpianta fa on ciodo
ca tuto ’a smarisse ca a te insemenisse
ca no ’a sugarìa gnanca el fogo

Acque putrescenti

Lungo il canale che passa da Gorgo
qui sul ciglio del lago di Corlo
al limitare delle grotte di Oliero
là dove l’Astico scorre presso San Pietro
fino alla Brenta che scende in Laguna
splenda il sole o brilli la luna
è tutto uno stillicidio d’acque
una pioggia che a momenti ti piega
da quanto va durando

da Cartura fino alle valli del Primiero
è uno stesso liquido sudario e fa freddo
in questa estate che non vuole arrivare
e che non sembra stentare
nell’atteggiarsi ad inverno
se ormai anche il sale si raggruma nella ciotola
le vacche non allattano le chiocce non raspano
l’aia né ti danno più l’uovo
se perfino i sorci si acquattano negli umidi recessi
delle case e nessuno che abbia più cuore
di sorbirsi questa minestra di fare
una mezza capriola

con quest’acqua che si conficca come un chiodo
che tutto scolora ti stordisce
e nemmeno il fuoco potrebbe asciugarla



… Daea baea de vero

Sirà el me destìn nare in volta
remengo de sipière anca on poco
baengo de no ’ere messo al mondo
on putìn de no ’ere mai pien
el tacuìn de russame incoste
’e sotane a racoante sorane
petando col sgrugno partera
ca mai no fa ciaro pai orbi
ma mai mai e po’ mai

————go butài tuti i raudi
ca ghevo i go anca s-ciocài
dapartuto ma el fogo sal taca
ciapa soeo ca col suto

e calcossa ’o rancuro anca mi
on fià de cueo toca anca
ai boni da gnente a coeilà
ca pa’ a xente no i vae propio
gnente e vense magari
i xe eori a far ciaro
’na s-cianta
de pì

Cartomanzia

Sarà la mia sorte di aggirarmi
ramingo di essere anche poco
affidabile di non avere
un figlio di essere sempre
al verde di inciampare sulle
sottane di qualche tardona
cozzando col muso per terra
perché mai non fa giorno per i ciechi
ma mai mai e proprio mai

———–ho scagliato i petardi
che tenevo in tasca li ho anche fatti esplodere
dappertutto ma il fuoco se attecchisce
prende solo sull’asciutto

ma qualcosa anch’io lo raccolgo
un pizzico di fortuna sorride anche
ai buoni a nulla a coloro
che per la gente non valgono davvero
niente e invece magari
son proprio loro
a risplendere



In spièra

Tutaldì cofà ogni sera
sensa aeòri sensa schèi
pena eù co so mujere
e anca on gnaro de putèi

so chel gran porto de mare
inò nissuni se insognava
mai de ’nare gnà vanti
o dopo ’a guera

Ma no ghe ne jera nantro
uguàe
sora ’a facia de sta tera

no ghi ne xe
ca ’na pena pì granda
gaj soportà
de du fioi ca te more
– gnà ’l sagnore sa inove –
strensendo coi dinti
sta vita ca core
fà ca ’a fusse ’na pipa

In controluce

Tutti i giorni come tutte le sere
senza onori senza denari
soltanto lui e la moglie
più una nidiata di figlioli

in quel gran porto di mare
dove nessuno si sognava
di andare anche prima
o dopo la Guerra

Ma non ne esisteva un altro
della stessa tempra
sulla faccia della terra

non conosco nessun altro
che un dolore maggiore
abbia saputo sopportare
della morte di due figli
– nemmeno dio sa dove –
stringendo fra i denti
questa vita fuggente
come fosse una pipa



Ojvari

«Mie el ghi n’eva piantài!»

tuti tacài ’fa racoanti
soldài coei ca jera partìi
da Coarto o paea guera
de Russia sora ’a tera
pì rossa ca ghe sipia
mai sta
ma sinsa camìse
———ma sinsa fusìe

’a granda armada
istriana
——–dii mie

Ulivi

«Ben mille ne aveva piantati!»

tutti allineati come altrettanti
soldati quanti ne erano salpati
da Quarto o per la guerra
di Russia sopra la terra
più rossa che sia
mai esistita
ma senza camicie
———ma senza fucile

la grande armata
istriana
——–dei mille





Breve nota linguistica

Il dialetto utilizzato nella presente silloge va considerato un codice d’elezione nel dominio dell’arte, frutto pertanto della creatività, dell’arbitrio, delle finalità espressive come del carattere ispido dell’autore (conformemente, del resto, alla sua stessa lingua). La base rimane saldamente il basso padovano, con l’aggiunta di alcuni neologismi o di contaminazioni desunte da altre varianti del veneto (in particolare dal polesano; in misura minore dal trevigiano e dal veneziano di terra), con una spiccata preferenza per le forme più arcaiche nelle voci lessicali e nei modi di dire.
Uno scarto analogo sussiste tra il registro del dialetto e la sua resa in lingua che non corrisponde a una traduzione letterale, trattandosi piuttosto di vera e propria riscrittura. Quanto alla questione della resa grafica dei segni e dei suoni nel dialetto, quest’ultima resta un problema aperto la cui non facilesoluzione lascio senza rimpianti agli specialisti in materia.

Maurizio Casagrande, settembre 2015