Mese: novembre 2015

Paolo Triulzi: I me medesimi. N. 3 Alberto

Paolo Triulzi: I me medesimi. N. 3 Alberto Alberto è grosso. È sempre stato grosso, non è un problema. Sono le camicie il problema. Ste fottute camicie, che per quanto grandi le prenda gli strizzano sempre il collo. Alberto non è grasso, è proprio… Continua a leggere “Paolo Triulzi: I me medesimi. N. 3 Alberto”

Una frase lunga un libro #33: Rodolfo Walsh, Fotografie

Una frase lunga un libro #33: Rodolfo Walsh, Fotografie, La Nuova Frontiera, 2014. Traduzione di Anna Boccuti e Elena Rolla; € 17,00, ebook € 6,99 * E adesso nessuno può dire che non le ho intimato l’alt, come di rigore, a cui lei non ha… Continua a leggere “Una frase lunga un libro #33: Rodolfo Walsh, Fotografie”

Giuseppe Ceddia, Soli nell’autunno che ci uccide

  Soli nell’autunno che ci uccide                                                                                                                                                      a Tommaso Landolfi   Il giorno in cui fu licenziato dal lavoro Guido Stuparich si svegliò con un grosso bubbone sulla tempia sinistra. Il licenziamento non avvenne per malsane cause legittimate dall’assenteismo o da comportamenti equivoci,… Continua a leggere “Giuseppe Ceddia, Soli nell’autunno che ci uccide”

La botte piccola #2: Andreas Eschbach, “Ti vedrò ancora”

La botte piccola contiene il vino buono, e questo non è, come si può pensare, un malcelato sfottò di consolazione: l’accoglienza costringe ogni minima particola di vino a venire prima o poi a contatto con le note del legno. Il racconto, la meno diluita… Continua a leggere “La botte piccola #2: Andreas Eschbach, “Ti vedrò ancora””

Riletti per voi #6: Pier Paolo Pasolini, Lettere luterane

Un libro per essere attuale non deve essere necessariamente scritto da poco tempo. Il passare degli anni aiuta il libro stesso a mostrare sino in fondo la sua disturbante verità, anzi spesso l’incomprensione da parte dell’epoca in cui è stato scritto è moneta per… Continua a leggere “Riletti per voi #6: Pier Paolo Pasolini, Lettere luterane”

Poeti della domenica #20. Alessandro Parronchi: A mio padre, in sogno

A MIO PADRE, IN SOGNO Sorridi un poco e te ne vai pensoso. E ad un tratto con lacrime mi chiedo quanto tempo è che al petto non ti stringo non afferro da amico quelle braccia. La memoria ha insensibili naufragi. Scolora come il… Continua a leggere “Poeti della domenica #20. Alessandro Parronchi: A mio padre, in sogno”

I poeti della domenica #19: Giovanni Raboni, Codicilli (1)

Pensavo polvere, non cenere; non arso, pensavo, né centrifugato; polvere: e diventarlo a poco a poco, a poco a poco sperdere il duro delle ossa. E che la terra non fosse poca né tanta, né pesante né lieve a cancellare lo scempio della fossa.… Continua a leggere “I poeti della domenica #19: Giovanni Raboni, Codicilli (1)”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: