Giorno: 18 ottobre 2015

Poeti della domenica #16: Tess Gallagher, Veglia

TessGallagher1_minihanSM

Tess Gallagher, photo by John Minihan

Veglia

Tre notti sei rimasto steso in casa.
Tre notti nel gelo del corpo.
Volevo avere la prova sicura di quanto
fossi stata lasciata sola? Nel grande buio della stanza
sono salita accanto a te nel letto alto, il letto
in cui c’eravamo amati e in cui avevamo dormito, sposati
e non sposati.

C’era un alone di freddo intorno a te
come se con la morte i messaggi del corpo arrivassero
più lontano e il mio calore assumesse l’argenteo biancore
di una voce lanciata intatta attraverso la neve solo
per sentire se stessa nel nitore del richiamo.
Per un po’, allora, siamo morti insieme, galleggiando
sereni sull’ampio e bizzarro baldacchino
del mondo abbandonato.

*

Wake

Three nights you lay in our house.
Three nights in the chill of the body.
Did I want to prove how surely
I’d been left behind? In the room’s great dark
I climbed up beside you onto our high bed, bed
we’d loved in and slept in, married
and unmarried.

There was halo of cold around you
as if the body’s messages carry farther
in death, my own warmth taking on the silver-white
of a voice sent unbroken across snow just to hear
itself in its clarity of calling. We were dead
a little while together then, serene
and afloat on the strange broad canopy
of the abandoned world.

*

© Tess Gallagher da Viole nere, Einaudi, 2014. Traduzione di Riccardo Duranti

I poeti della domenica #15: Hans Sahl, Ancora

sahl

Ancora

Ancora tengo desti i miei sensi,
ancora posso distinguere la sera dal mattino,
ancora posso accendere il riscaldamento e da solo
mettere in ordine i miei vestiti. Ancora mi lavo da solo
la biancheria e so quel che succede nel mondo.

Ancora desidero la donna d’altri e non posso
farne a meno. Ancora verso le lacrime
sull’infedeltà delle donne nei film.
Ancora vedo la lancetta dell’orologio
se mi sforzo e il pane sul piatto
e i titoli di prima pagina del “Times” al mattino.
Ancora so dove abita Dio e me ne dimentico
tuttavia sempre più.

*

Noch

Noch halte ich meine Sinne wach,
noch kann ich unterscheiden zwischen abends und morgens,
noch kann ich die Heizung anstellen und meine Kleider
allein ordnen. Noch wasche ich selbst meine
Unterwäsche und weiß, was in der Welt vorgeht.

Noch begehre ich meines Nächsten Weib und kann es
nicht lassen. Noch vergieße ich Tränen
über di Untreue der Frauen im Film.
Noch sehe ich die Zeiger der Uhr, wenn ich mich
Anstrenge, und das Brot auf dem Teller und die
Schlagzeilen der Times am Morgen.
Noch weiß ich, wo Gott wohnt, und vergesse
es doch mehr und mehr.

© Hans Sahl da Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo, Del Vecchio, 2014. Traduzione e cura di Nadia Centorbi