Giorno: 23 agosto 2015

Poesie per l’estate #56: Franco Fortini, E ora nella casa

Dal 27 luglio al 23 agosto la programmazione ordinaria del blog andrà in vacanza In questo periodo vi regaleremo comunque due post al giorno, una poesia al mattino e una al pomeriggio, “Poesie per l’estate”. Vi auguriamo buona estate e buona lettura. (La redazione)

(immagine presa dalla rete - potrebbe essere soggetta a copyright)

(immagine presa dalla rete – potrebbe essere soggetta a copyright)

E ora nella casa

.

E ora nella casa penso com’è il suo viso,
la svolta della guancia, la sua voce
se qualche volta per sé canta sola
e come nulla, se pianga, la consola.

Ma non sa quanto la mia mente tace
fra le sue tempie di chiusa persona,
né che fra quante passano figure
porta lei sola le ore future.

E se guardiamo i due volti diversi,
i nostri, una giustizia esce dalle paure:
non è in se stessa per morte finita
una vita che spera in una vita.

Queste parole ora dico per lei
che scende con la sua sorte infinita
nel sonno che la quieta,
anima mia da tanti anni segreta.

1952

(da Franco Fortini, Tutte le poesie, Mondadori, Milano, 2014, p. 92)

Poesie per l’estate #55: Francesco Tomada, Il terremoto del ’76

Dal 27 luglio al 23 agosto la programmazione ordinaria del blog andrà in vacanza. In questo periodo vi regaleremo comunque due post al giorno, una poesia al mattino e una al pomeriggio, “Poesie per l’estate”. Vi auguriamo buona estate e buona lettura. (La redazione)

copertina_tomada1

.

Il terremoto del ’76

Quando venne il terremoto del ‘76
era sera ed io avevo otto anni
uscimmo tutti di corsa nei cortili
così come eravamo, noi bambini già in pigiama

ricordo la casa che tremava nel buio
e non ho mai pensato che potesse cadere
ma avevo paura, paura per il rumore
e perché si muoveva la terra
e restava ferma l’aria

una cosa sconosciuta

il contrario del vento

.

(da Francesco Tomada, A ogni cosa il suo nome, Le Voci della Luna, 2008)