Giorno: 22 giugno 2015

Come una lettera #2 (inedito) – L’Etica

di Luciano Mazziotta

a T. Di Dio

Aristotle_Ethica_Nicomachea_page_1

L’etica, l’ethos, scrive Benveniste,
è l’asse, il mos, attorno al quale ruota,
si organizza un sistema di valori.
E l’epos, la parola, la precisa
lo nomina il sistema e riconduce
al centro di quell’asse
il disagio universale
perché non si disgreghi
a macchie ma conosca e riconosca
nella parola una difesa
dall’oblio, dalle paure e il caso.
E noi, Tommaso, dovremmo tutto questo?
Proporre paradigmi,
forzare le strutture, farci padri,
modelli di riferimento?
Non me la sento. È già tanto
se imito il me stesso dei momenti migliori.
E la parola, quella nostra,
fatica a dire il tempo,
questo, con puntualità.
Si sta come ridicoli Pandora
a ricercare il tappo
mentre che il male scappa
e la parola si contagia
sprofonda su se stessa e siamo infetti
io, tu, e quelli per i quali “Bisogna
pagare”, scrivi, e io rispondo:
“Bisogna risarcirci.”

Enrico De Lea – Sarmura (poesie)

pescatori-nel-porto-di-messina fonte siciliaviaggi.it

pescatori-nel-porto-di-messina fonte siciliaviaggi.it

 

Enrico De Lea – poesie da Sarmura  (plaquette inedita, in corso di pubblicazione  per i tipi di  Officina Coviello)

*

La lingua di questi versi – composti tra il 2013 ed il 2015 (alcuni anticipati in rete) – è debitrice delle diverse varianti del siciliano da me conosciuto/udito/parlato principalmente tra Casalvecchio Siculo, la Valle d’Agrò, la riviera ionica e Messina (e.d.l.)

 

***

nni pari

nni pari, cetti voti, ‘a vita
priincuta di minchiati,
ie tannu ‘a motti,
cu tuttu chi nn’atterra,
nni pari chi nni ‘scuta,
comu na pessona seria

 

(ci sembra)

ci sembra, a volte, la vita
gonfiata di minchiate,
e allora la morte,
malgrado ci abbatta,
ci sembra stia a sentirci,
come una persona seria

 

*

 

a vidìumu

a vidìumu ‘e a videmu stampata
notti ‘e gghiornu,
sta mathri ianca ‘e focu,
jittata luntana, attornu,
l’occhiu si facìa un ghiocu
a vardàrla, a Muntagna,
nt’a chiarità du brisciri da matinata,
nt’o lusthru du spirìri da sirata –
ie tuttu tuttu
lassatu ddhocu, nt’o sthrafuttu

 

(la vedevamo)

la vedevamo e la vediamo
quasi in una stampa
notte e giorno,
questa bianca madre e fuoco,
lontano lanciata, attorno,
l’occhio si affascinava
a guardarla, la Montagna,
nel chiarore dell’albeggiare,
nella luce del declino della sera –
e tutto tutto
lasciato là, con noncuranza

 

*

 

cent’anni

a zìa Lucia, avanz’o muru
d’a notti, si mittìa
nt’a na cantunera
e non ci putìa cu iddha a Motti:
spittava thra vigghia e sonnu,
e appoi sapìa ch’iddha a vincìa
pi tutta a luci ‘i na viduta
criata p’a so’ matinata,
sapùta iera, a zìa,
e dicìa: nenti scuru,
sulu a vita è vera

 

(cent’anni)

la zia Lucia, davanti al muro
della notte, si accucciava
in un angolo
e non riusciva, la morte, a spuntarla con lei:
lei aspettava tra veglia e sonno,
e poi ben sapeva che l’avrebbe vinta lei
per tutta la luce di un paesaggio
creato per la sua mattinata,
saggia era, la zia,
e diceva: nessun buio,
solo la vita è vera

 

*

 

chiddhu chi regna

nta stu sdirregnu
di iurnata ‘a scurdata
e di vita ‘a scurdata
chiddhu chi regna
supra i zanni tutti
su’ i facci sciutti
‘i me’ pathri,
‘i me’ nannu,
chi non parrunu
ma sannu

 

(ciò che persiste)

in questo sterminio
di giornate e di vite,
dominio e dimenticanza,
ciò che persiste
sul vociare di tutti
sono i volti asciutti
di mio padre,
di mio nonno,
che non parlano
ma sanno

 

*

 

un cumpagnu

Sempri, un cumpagnu fidatu e eternu,
chi nni spattiumu pani e nfernu,
spuntau ca notti e cuntentu mi taliau,
e iò u so’ nomu e puru u me’ scurdau.

 

(un compagno)

da sempre, un compagno fidato ed eterno,
da spartirci pane ed inferno,
con la notte spuntava e contento mi guardava
ed io il suo nome e pure il mio dimenticavo.

 

©Enrico De Lea