Giorno: 18 marzo 2015

Una frase lunga un libro #4: Iosif Brodskij – Fondamenta degli incurabili

user_305_fondamenta_brodskij013

Una frase lunga un libro #4: Iosif Brodskij – Fondamenta degli incurabili – Adelphi (prima edizione 1991, ultima ristampa 2014) – traduzione di Gilberto Forti

 

E giurai a me stesso che se mai fossi riuscito a tirarmi fuori dal mio impero, per prima cosa sarei venuto a Venezia, avrei affittato una camera al pianterreno di un palazzo, in modo che le onde sollevate dagli scafi di passaggio venissero a sbattere contro la mia finestra, avrei scritto un paio di elegie spegnendo le sigarette sui mattoni umidi del pavimento, avrei tossito e bevuto; e quando mi fossi trovato a corto di soldi, invece di prendere un treno mi sarei comprato una piccola Browling di seconda mano e, non potendo morire a Venezia per cause naturali, mi sarei fatto saltare le cervella.

È probabile che non esista altra frase al mondo che sappia rendere meglio l’amore per Venezia e il suo trascinarti all’interno, nel suo sotto. Entri a Venezia e, se ne scovi la chiave, le appartieni. Venezia, invece, a te non apparterrà mai. Brodskij questo lo sapeva benissimo e lo mise anche in poesia. Prima, però, di analizzare la frase, diciamo del libro. Fondamenta degli incurabili è un libro che racconta la capacità di immedesimarsi, che spiega che cosa significhi far parte di qualcosa senza il vincolo della Patria (concetto chiaro a molti scrittori); di più: immedesimarsi a Venezia, con Venezia, vuol dire fondersi davvero, mischiarsi all’umido e alla bellezza Quando, in questa città, avverti una fitta alle ossa, sai che è l’umidità, la senti, e quando la riconosci senti anche una fitta al cuore, perché quello che ti è entrato dentro è molto più dell’umido. È un’altra maniera di guardare le cose, è riconoscere la bellezza, un tipo diverso di bellezza, sentirla un po’ tua e, contemporaneamente, avere la certezza di non poterla raggiungere: Perché noi andiamo e la bellezza resta. Brodskij, stesso, nel libro spiega che la bellezza non la si può nemmeno raccontare.
(altro…)