Giorno: 2 marzo 2015

Carmen Gallo – Paura degli occhi

arcolaio-copertine-pauradegliocchi

Carmen Gallo – Paura degli occhi – L’Arcolaio, 2014 – € 10,00

 

“Come avere paura degli occhi / come sapere che tutte le bocche / professeranno il falso / e per prima la tua / dirà cose che non vuole / vedrà cose che non sa / ma il vero più del falso / resta nelle parole che non riconosco / perché non hanno la tua forma / la calce bianca dei tuoi sensi / deformati per l’occasione / parole annerite, scartavetrate / cercano rifugio tra le mie / ma non trovano / che una pace fatta di spilli / di mura che non tengono / di soldati che non parlano la tua lingua”

Comincia così Paura degli occhi, il primo libro di poesie di Carmen Gallo. Comincia che diversamente non potrebbe essere, comincia con tutte le carte sul tavolo, con le lettere che vanno già a comporre le parole esatte, con soldati che sembrano soldatini, piccoli eserciti dentro casa, sulla punta della lingua, che attaccano e, contemporaneamente, battono in ritirata. C’è stato un prima, un prima di questa poesia e di quelle che seguono, e ci saranno dei dopo, a suo tempo, ora ci sono i come, ci sono le sottrazioni e le conoscenze, le convinzioni che vengono meno. La paura degli occhi è volersi sottrarre alla vista di qualcuno, a ciò che si è visto e a ciò che si potrebbe ancora vedere. È non voler sapere, perché ciò che le bocche diranno sarà altro dalla volontà, sarà distanza, saranno parole non in grado di trovarsi né di spiegarsi.

(altro…)