Le cronache della Leda #35 – Quasi Natale e altre cose

P1090629

Le cronache della Leda #35 – Quasi Natale e altre cose

No, non mi sto preparando al Natale. Mi sto preparando all’arrivo dei miei ragazzi dagli Usa. L’avvocato dice che ci invita tutti a cena la sera di Natale. L’avvocato ha sempre queste manie di grandezza, ma ci andremo, in fondo lui fa parte della famiglia. Dopo andremo ad aspettare la mezzanotte dalla Luisa, che mi ha detto che mica pensava di arrivarci a questa mezzanotte qui, poi ha aggiunto che magari un paio di balli (non di più) a Capodanno riesce a farli. Che matta. No, non potrà ballare, ma è viva, e nello spirito è più viva che mai. MI ha chiesto di regalarle dei libri di poesia, l’ho proprio deviata. Dopocena dalla Luisa verranno anche la Wanda e l’Adriana.

L’Adriana l’altro giorno mi ha detto che le piacerebbe avere quarant’anni e innamorarsi, non come succede a venti ma a quaranta, con quella cosa di cuore e testa. Lei vorrebbe innamorarsi ma col ragionamento, ma mica per sempre, per un quarto d’ora, dice, il tempo di emozionarsi. Le ho detto che per un quarto d’ora non vale, mi ha risposto che sono la solita comunista polemica, vabbè.

Ho comprato – finalmente – il volume che raccoglie tutte le poesie di Franco Fortini, lo aspettavo da anni, lo aspettavamo noi carbonari della poesia, sono felice. Però la casa editrice avrebbe potuto sprecarsi e fare un doppio volume più facilmente consultabile, questo è di una scomodità unica, ma meglio di niente, le poesie di Fortini ora sono qui con me.

Ho trovato una poesia che è sul Natale, sulla guerra, sull’amore e sulla fortuna. Una poesia di tredici versi soltanto, non ne occorrevano di più. L’ho trovata su un libro uscito da poco il libro è di un poeta friulano: Francesco Tomada. Leggetela e rileggetela. Ve la lascio, mi riposo un po’, torno a trovarvi dopo le feste.

Vigilia di Natale

Oggi hai comperato un grosso filone di pane
ridendo lo hai appoggiato in mezzo al tavolo
pesa un chilo e l’ho pagato solo novanta centesimi
sono stata fortunata

io invece ho appena sfogliato i titoli del Corriere
in una città siriana di cui non ricordo il nome
cento persone sono morte sotto un bombardamento
::::::::::::::::::::::::anche loro erano in coda per il pane

ne prendo un pezzo e lo mastico
lo gusto come di rado mi capita di fare
ti guardo
hai ragione a dire che sei stata fortunata

Leda

Nota: Franco Fortini – Tutte le poesie – Oscar Mondadori, 2014.  Francesco Tomada – Portarsi avanti con gli addii – Raffaelli, 2014

One comment

I commenti sono chiusi.