TRP, un giorno dopo: Fabio Pusterla

eebd76ecddc14832652a59b572fb6f59_f319

 

Treviglio, 24 maggio 2014

A Bob Dylan devo un grazie enorme. Lui, con la sua musica, è stato il primo richiamo alla poesia. Ho sentito uno spostamento, un trascinamento nel campo del ritmo – dice Fabio Pusterla – …poi il mio stupore quando seppi il suo vero nome, Robert Zimmerman, e il perché scelse presto di cambiarlo, in Dylan, in onore (forse) a Dylan Thomas. Allora cercai subito un libro del poeta. Con la lettura, con l’attenzione che richiedeva, trovai molto di cosa poteva essere il ritmo.

*

“Argéman”, ossia quella lingua di neve che vediamo resistere stretta in qualche bocca di montagna, anche nella stagione più calda. Una parola che viene dal dialetto, suggeritami dal padre di un’amica che abita nelle nostre vallate. “Argéman” è il titolo del nuovo libro di Fabio Pusterla, in uscita in autunno, per Marcos y Marcos.

*

In piazza a Treviglio passiamo sotto il palazzo del Comune. Appeso c’è un drappo con l’invito a partecipare a un torneo in onore di Giacinto Facchetti. Sei interista? Certo! Come potrebbe essere diversamente? Abbraccio.

*

Il dialogo con Pusterla s’intitola “Parole per terra”. Perché di terre ne emergono, ancora, e soprattutto c’è, ancora forte, il richiamo ad abitarla, ad ascoltarla. Indossando l’abito della dignità, incollàti qui, parlarci, leggere e capire, cercare la via. Visione, immagine, ritmo e canto. Vedere. Ascoltare.

*

Il primo grande amore, Dostoevskij – racconta – … e “Lo straniero di Camus”, un libro per me fondamentale… Non riesco a pensare a una vita che si privi della lettura…

*

Richiamarsi alla terra, saldamente starci. Questa resistenza è il territorio della poesia, fatto di domande, poste necessariamente nel cuore misterioso dei fatti. Resistenza difficile, certo, ora che siamo stretti da una pressione economica e sociale tanto grave. Leggere, scrivere, chiedere continuamente cura, rimettersi alla via, stretta, che indica l’etica.

*

E una poesia, splendida, ancora risuona da “Le cose senza storia”, del 1994:

Crespi d’Adda

Lungo i due lati del viale d’accesso
in doppia fila
si dispongono le tombe dei bambini:
piccole pietre uguali.
Il termine “bambino”
vuole indicare chi non ha raggiunto
l’età idonea al lavoro.

*

Si evitino
le formule patetiche.
Il grande edificio grigio sullo sfondo
suggerisce compostezza
e abnegazione.

*

Di fronte al cimitero
la natura ha disposto il suo omaggio:
grano e papaveri.
Ciò sia di sprone a tutti
affinché l’ordine regni in ogni orto.

*

La geometria perfetta delle strade
non è senza rapporto
col senso del dovere: ricordàtelo.
Un giorno
tutto sarà così.

*

Se qualcuno
volesse per avventura andare altrove,
faccia pure.
Sappia però di non avere alternative.

Cristiano Poletti

2 comments

I commenti sono chiusi.