Giorno: 18 novembre 2013

In Apulien, 12 – Vincenzo Mastropirro

Trommeln in den Höhlenstädten trommeln ohne Unterlaß
weißes Brot und schwarze Lippen
Kinder in den Futterkrippen
will der Fliegenschwarm zum Fraß

Tamburi nelle città cave rullano senza sostare
pane bianco e labbra nere
nelle greppie bimbi a schiere
vuole di mosche il nugolo gustare

Ingeborg Bachmann, In Apulien

(traduzione di Anna Maria Curci)

Questa rubrica propone itinerari di lettura tra voci della terra di Puglia. Alcune di queste sono note, altre meno, altre ancora sono state troppo presto dimenticate. La dodicesima tappa ripropone la voce di Vincenzo Mastropirro, voce che ha inaugurato la prima puntata di “In Apulien”. L’occasione è data dalla pubblicazione della raccolta Poésia sparse e sparpagghiòte, che raccoglie testi scritti nel dialetto di Ruvo di Puglia.

Mastropirro_poesie_sparse_copertina

Quanne u fiòte s’accàrne… Poesia sparsa e sparpagliata di Vincenzo Mastropirro
Nota di lettura di Anna Maria Curci*

Da tempo la poesia di Vincenzo Mastropirro fa parte di un esercizio di letture e ascolto che curo con la costanza e la dedizione che si provano sia per i propri lari, sia per l’altro da sé che si ri-conosce come tale nell’andirivieni tra affinità e diversità, per l’interlocutore dal quale non si smette di imparare.
Passo, slancio e musicalità dei suoi componimenti hanno acquisito, anche nel diversificare toni e timbri, temi e generi, una voce che mai confonderei con altre. Poesia civile, considerazioni esistenziali e incisività della memoria collettiva e personale restano sì ben individuabili, giacché il fumo e il disorientamento intenzionale sono quanto di più distante da Vincenzo Mastropirro, ma sono unite dalla musica della sua scrittura, la quale oltrepassa con il vigore della coerenza il facile nascondiglio del doppio binario di pubblico e privato.
Questa unità nella pluralità è la caratteristica principale di Poèsìa spàrse e sparpagghiòte e sembra, con una ironia della quale Vincenzo Mastropirro ha piena padronanza,  contraddirne il titolo.
La lirica scelta come copertina, quasi un manifesto, senz’altro, e, per dirla con le parole dell’autore, “grido civile di libertà”, richiama una delle qualità di questa raccolta, vale a dire il suo prendere posizione, in maniera non retorica, ma vigile, sul tempo e sulle scelte.
Altro segno caratteristico della scrittura di Mastropirro è la lingua, il dialetto di Ruvo di Puglia, lingua materna e d’elezione allo stesso tempo, se è vero, come ribadisce il testo conclusivo, che essa si fa una cosa sola sia con l’indole, l’essenza, sia con l’obiettivo consapevole del poeta:

me disse: “la poesia dialettale non la sopporto,
se scrivi in dialetto sei destinato al nulla.

Ei so nudde e nudde vogghije ièsse
ma la poèsèi è tutte e nudde
inde a totte re lingue du munne
e piure cu la maije, chère de Riuve
ma spècialmède chère de mamme
ca stè inde alla cope, avvetòte
cume ‘nu pirne affunne ed etièrne.

[mi disse: “la poesia dialettale non la sopporto,/se scrivi in dialetto sei destinato al nulla.”// Io sono niente e niente voglio essere/ma la poesia è tutto e niente/in tutte le lingue del mondo/e pure con la mia, quella di Ruvo/ ma specialmente quella di mamma/che sta in testa, avvitata/come un perno profondo ed eterno.]

L’idioma della poesia di Vincenzo Mastropirro – un idioma nel quale dominano suono aspro, allitterazioni intonate sulla liquida ‘r’, che nel ruvese ha anche funzione di articolo determinativo, gioco di vocali accentate e mute, dal timbro che nasce spesso da combinazioni tra di loro – ha, com’egli stesso ha avuto modo di ricordare in una sua poesia apparsa in Pugliamondo (Sotte u saule estèive du Sud, Sotto il sole estivo del sud) e in una conversazione recente, il suono delle mandorle poste ad ad asciugare sulle strade del paese e rivoltate a intervalli regolari dai bambini; ha i colori della Murgia a maggio:

La murge a mòsce
è ‘nu spèttacule de liusce e cheliure
c’abbàllene saupe a le cricricrì… de re cecòle

[La murgia a maggio/è uno spettacolo di luci e colori/che ballano sui cricricrì… delle cicale]

Il ruvese e Ruvo sono officina, osservatorio e punto di partenza per portare lo sguardo acuto e la lingua che si oppone alla vulgata,  questa sì sonnecchiante e appagata,  in altri luoghi, immaginari e reali, a smascherare, a denunciare, come avviene nel componimento L’arie, che racconta di Taranto e della sua aria appestata,  ‘mbracedèite, “infradiciata”.
Consuetudini e figure ricorrenti nel paese – la banda, innanzitutto, la processione, i riti sociali, i tipi umani – diventano poesia, circense e teatrale, con i tratti della ‘moralità’ medievale e del dramma barocco, musicale con le arie d’opera e il suono degli strumenti a percussione e a fiato. Vincenzo Mastropirro è musicista – il flauto è il suo strumento – e compositore. Questo dato non può, non deve essere separato dalla sua dimensione di poeta. Dal “fiato che s’accarna”, che trasforma in musica “ogni vibrazione”, prende vita una rappresentazione che tutto e tutti tocca, “padrone e sotto”: nel componimento nel quale l’artista, con un procedere in crescendo,  dà conto della propria vocazione,  non manca il riferimento al gioco popolare che anche chi scrive ha conosciuto dal proprio padre, anch’egli di Ruvo, e che lo scrittore francese Roger Vailland ha messo nel 1957 al centro del romanzo La loi, trasformandolo in metafora dei rapporti di potere:

Quanne u fiòte s’accàrne
ogne vibraziòne devènde museche
da dà, camèine, scappe e po’ abbuàisce
patrune-e-sùotte, du timbe e du sune.

[Quando il fiato s’accarna,/ ogni vibrazione diventa musica// da lì, cammino, corro e poi volo/padrone e schiavo, del tempo e del suono.]

Non solo ogni vibrazione diventa musica: nella poesia di Vincenzo Mastropirro anche gli odori (U petresèine, Il prezzemolo) e gli utensili (La sartàscene, La padella)  usati in cucina, così come le abilità domestiche e artigianali  (La ruosceue e u arrepìzze, La risuolatura e il rammendo), oggi snobbate o del tutto dimenticate, si fanno strumenti musicali, pennelli e colori che suonano la melodia e illustrano l’orbis pictus (… osce u munne, oggi il mondo) di vizi, convenzioni, consuetudini, ribellioni. Non si tratta soltanto di castigare i costumi e la giènde, la gente: eppiure la spèranze esiste, eppure la speranza esiste, afferma il poeta nel componimento dedicato a Malala Yousafzai. Il poeta e la sua poesia, destino, mandato o semplice condizione esistenziale, sono, pur nella pluralità di toni e immagini, una cosa sola,  insieme all’effetto suscitato in chi legge e ascolta, “lacrime di risate / lacrime di dolore”: U poète nan pote chiange /  U poète è destenòte a fò chiange  / Lacreme de resòte  /Lacreme de delàure.
L’alternanza, la fusione di  schmeichl un trern – sorrisi e lacrime, come l’yiddish sa dire con la sua lingua musicale – si confermano anche in questa raccolta cifra, segno della poesia di Vincenzo Mastropirro. Un segno che prosegue, non si ferma, cammina, “sempre più dentro, deciso ad esplorare tutto” arriva fino all’ultima sponda e vola verso un sogno, U sunne de l’aneme, Il sogno dell’anima: Camèine sèmbe ‘cchiù inde, dècise a vedaije tutte / arrèive fine all’utema spuonde e abbuaisce / abbuaisce vèrse ‘nu sunne, u sunne granne / de l’aneme libere ca so e so sèmbe stote.

© Anna Maria Curci

.

___________________________________

La nàive

La nàive a Riuve
nan’ è na causa stròne
ma u incànde è sembe lu stìèsse.

U incande de le meninne ca sciùochene
de ‘nu vècchie rète a le vitre
de ‘nu cone accucciòte.

La naive a Riuve
è ‘nu renzule biànghe sope a tutte
‘nu mande de meravighe e de penzire.

Però, alla squagghiòte, s’òva pertò cu ìèdde
le spirete scalcagnòte de gènde sfàtte
inùtele e sènz’aneme.

La neve
La neve a Ruvo/non è una cosa strana/ma l’incanto è sempre lo stesso.// L’incanto dei bambini che giocano/ di un vecchio dietro i vetri/ di un cane accucciato.// La neve a Ruvo/ è un lenzuolo bianco su tutto/un mantello di meraviglia e di pensieri.// Però alla sgelata, deve portarsi con sè/ gli spiriti scalcagnati di gente sfatta/ inutile e senz’anima.

.

* * *

a  Rocco Scotellaro

U zappatàure ca sckìute inde u palme
appartène au Sud, tèrre de Scotèllare.

E’ l’umede ca smezzecuàisce u delaure de la zappe
ca pèro nan’ esiste ‘cchìue, ma avaija stò
cume avaija cambò u Poète
scappòte cu-nu-nudde dalla tèrra d’orìgene
oramàije sparescìute sotte ‘nu cumele de penzìre.

Il contadino che sputa nel palmo/ appartiene al Sud, terra di Scotellaro./E’ l’umido che attenua il dolore della zappa/ che però più non esiste, ma avrebbe dovuto esserci/ come avrebbe dovuto vivere il Poeta / sradicato in fretta dalla terra d’origine/ ormai inghiottito sotto un cumulo di pensieri.

.

* * *

L’arie

So sapìute ca a Tarante
la génde more pe’ l’arie ‘mbracedèite.

Sacce ca a Riuve
l’arie è pulèite e la gènte se la gode.

L’arie è proprie ‘nu élemènte stròne.

T’avvòlge limpede e naturòle
ind’ a u vùosche ‘mezze a l’arue

t’auànde ‘nganne
‘mèzze a re fabbreche e a re cemenère.

Sèmbe Ièdde è
è vèite… è mùorte…

e l’umene picche ‘nge tìénene
a ‘na ‘bona vèite…a ‘na ‘bona mùorte…

L’aria
Ho saputo che a Taranto/la gente muore per l’aria infradicia.// So che a Ruvo/l’aria è pulita e la gente se la gode.// L’aria è proprio un elemento strano.// Ti avvolge limpida e naturale/nel bosco in mezzo agli alberi// ti prende in gola/tra le fabbriche e le ciminiere.// Sempre Lei è/ è vita…è morte…//e gli uomini poco ci tengono/ a una buona vita…a una buona morte…

.

* * *

U sunne de l’aneme

Vaite ‘nu calcolatòre èlèttruòneche granne cume ‘nu palazze
conde bune-bune le numere e au momènde giuste me maine inde.

E’ ‘nu munne bìèlle, ‘na mèravigghije
mèccanisme ‘mbrigghiuse cu ‘na fòrze incrèdibele
chère ca manche spisse au cerevidde de gaddèine ca tìènghe.

Camèine sèmbe ‘cchiù inde, dècise a vedaije tutte
arrèive fine all’utema spuonde e abbuaisce
abbuaisce vèrse ‘nu sunne, u sunne granne
de l’aneme libere ca so e so sèmbe stote.

Il sogno dell’anima
Vedo un calcolatore elettronico grande come un palazzo/conto bene bene i numeri e al momento giusto mi ci butto dentro.// È un mondo bello,una meraviglia/meccanismi complessi ,con una  forza incredibile/quella che manca spesso al cervello di gallina che mi ritrovo.//Cammino sempre più dentro, deciso ad esplorare tutto/arrivo fino all’ultima sponda e spicco il volo/ volo verso un sogno, il sogno grande/ dell’’anima libera che sono e son sempre stato.

.

* * *

U diarie

So prevote a tenaije ‘nu diarie
quanne ere uagnàune.

Guardaije re pagene numerote
ma nan’ arresciaije a scrive nudde.

Chiù passaije u timbe
chiù re pagene geraine vacande.

U vute du diarie, però
iègne la vèite de sunne
ed è inutele scrive illusione.

Le sunne nan’ vonne mè scritte.

Le sunne, chire ca addavere le vè apprisse,
quanne mene tu aspitte stonne ‘nanze a taiche. Auandele.

Il diario
Ho provato a tenere un diario/ quando ero ragazzo.// Guardavo le pagine numerate/ma non riuscivo a scrivere niente.// Più passava il tempo/ più le pagine giravano vuote.// Il vuoto del diario, però/ riempie la vita di sogni/ ed è inutile scrivere illusioni.// I sogni non vanno mai scritti.//I sogni, quelli che davvero insegui, quando meno te lo aspetti sono vicino a te. Prendili.

.

_________________________________

*La nota di lettura è stata pubblicata come postfazione alla raccolta di Vincenzo Mastropirro, Poésia sparse e sparpagghiòte, CFR edizioni 2013