Giorno: 19 agosto 2013

Anna Toscano – my camera journal 14

2013-08-16-16-37-46

Dicono che la regione del Pará streghi e dia dipendenza. Si narra, a bassa voce, di una pensione strana a Belém con gran parte degli ospiti di una certa età ma non certa provenienza. Dicono siano persone venute a trovare parenti e mai più ripartite. Persone rimaste impigliate in questa città. Sono qui da mesi o da anni, a spendere così una pensione o dei risparmi, di certo quel che gli resta della vita. Tra cavi e bancarelle, azulejos, tagliatori di cocco e friggitori di pesce, loro stanno rinserrati nel loro limbo. Il fascino della pensione da fuori si schianta su un lettino da ospedale, da sempre in entrata, speri a uso tavolo ma forse è per portare su quelli che non ci riescono più da soli. T’inoltri già sapendo che la proprietaria, un’attempata Bardot tra gatti e tintura per capelli, ti sbarrerà la strada dicendoti che non ha camere. Allora le racconti che cerchi suo figlio che hai conosciuto in Francia e lo sai un tatuatore molto bravo, ha anche un’insegna lì accanto. Tentenna, lascia la postazione, e tu infili subito il muso in un atrio con anziani che giocano a carte, a scacchi, fumano, sonnecchiano, striminziti dentro giacchette nere lise, probabilmente quelle di quando sono arrivati. Nell’aria parole in francese spagnolo portoghese ma non puoi capire da quale bocca provengano. Di che cosa sia il limbo questo luogo, della morte? dei sogni? della vita? Da quale sogno a occhi aperti sono posseduti? Di certo da una rêverie prêt-à-porter.

***

Testo e foto di Anna Toscano

***

Leggi il my camera journal 13

Marco Aragno – Terra di mezzo (poesie inedite)

biennale arte - foto gm

*

Ci sarebbe bastata una radice
offerta al nostro passaggio
da un muro che costeggia la casa,
una radice emersa dal tufo
dal buio della pietra
per legare il presente col passato.
L’avresti piantata in giardino
sotto un mattone sberciato
perché l’edificio crescesse in altezza
e reggesse all’urto dei venti
che lo scuotevano in profondità.
Invece hai scelto il mare
per prendere il largo, tagliare
la schiuma degli oceani,
lottare contro la forza delle correnti
che spezzano il fianco delle navi
e stravolgono le rotte
fino a togliere dal cuore e dalla mente
il ricordo delle sponde
dei tesori che brillano sui fondali
negli occhi muti dei pesci.

*

Camminiamo su questa piana
spoglia di case e ricordi
vergine di frutti
avvolta dal miracolo del muschio.
Il verde scricchiola sotto i piedi
copre ossa, strati fossili
d’altre vite sepolte negli anni
che a volte riemergono come fantasmi
nelle nebbie del mattino
al suono leggero del tuo passo.

*

Esondazione


Mentre avanzi fra le alghe
avvisti l’albero ritorto
che riaffiora dalla schiuma del lago;
l’uccello dai colori primitivi
staziona sull’estremità
prima di volare basso, radente
dentro un cielo disceso nella ruggine.

La madre che percorre la riva
setaccia il suolo, estrae bacche e fiori
per i figli portati via dalla corrente.
Tu spogli la vista
ti abitui alla nuova luce che colpisce
la retina e imprime
il fondo limaccioso nella mente.

*

Non attendere nessun allarme
anche se sarà notte fonda
e dalle vetrate vedrai la città che brucia
coi roghi, i fumi delle discariche.
Qui la campagna sotto casa
sanguina dai solchi
quando l’alba sbuca come una ferita
fra i cartelloni pubblicitari.
Le auto si riversano sui cavalcavia
come formiche dalle tane
allagate dalla pioggia.
Ma tu resta, stringiti a questa maniglia
chiudi questi palmi finché puoi.

*

Le lettere sono illeggibili al sole,
gli alfabeti deformi.
Quelli seduti sui gradini del porto
sbarcati da continenti lontani
già parlano lingue che non conosci.
Tu raccogli i volumi intatti, le pagine
scampate all’incendio
fa’ che sotto una lampada fioca
distingua ancora il mio nome dal tuo.

*

Il mio passato sono le facce
scavate nella pietra,
le impronte d’umidità che sostano
sulle piastrelle della stanza.
Sono i mutamenti di luce, i passaggi
di nuvole sul parabrezza.

Oggi il cielo è gonfio di pioggia.
Vedo le macchine bloccate
lungo la tangenziale.
Oltre il lampeggiante ci attendono
paesaggi, case abbarbicate
e lo sfrecciare muto in galleria.

*

Girini

Che siano trasmissioni neuronali
finissime brulicanti cellule
moltiplicate in acque verginali
che un altro universo serba per noi.

Laggiù passeremo per il viaggio
ma diverranno suono, crepitio appena
di suole immerse in uno stagno.

Dimentichi ci asciugheremo al sole
con i gomiti curvi nella terra
respirando dell’erba l’amarezza.

*

Muro

Il bimbo puntella il muro da ogni lato
lo sogna ogni notte, lo fa suo
lo trasforma in estensione della vita.

La mamma impasta mattoni d’argilla
sussurra di guardarsi le spalle
dagli zingari che rapiscono nel sonno
dai ladri acquattati in mezzo ai campi
fra fiori dai profumi sconosciuti.

****************************
© Marco Aragno