Mese: agosto 2013

Anna Toscano – my camera journal 16

Cara Marianna del Parà ti scrivo, ti scrivo così mi distraggo un po’. Da quando non ci sentiamo c’è una grossa novità, il nuovo panorama è finito ormai ma qualcosa ancora qui non va. Mi amavano mi adoravano, capisci, mi chiamavano “il padre del… Continue Reading “Anna Toscano – my camera journal 16”

Quell’azzurro che non comprendo (poesie dal carcere)

Guardare oltre un confine pieno di paure in un’esistenza senza tempo in un gioco delle parti senza logica in un turbinío di scuse andando a tastoni per una strada tutta buche e sabbia in questo viaggio pieno di noi. (Gualtiero Leoni) *** Figli Rendetemi… Continue Reading “Quell’azzurro che non comprendo (poesie dal carcere)”

Seamus Heaney, The Rain Stick

11 dicembre 2008. Arezzo, Facoltà di Lettere e Filosofia, seduta di laurea in Mediazione Linguistica. Sono in commissione e assisto alla discussione di una tesi di laurea sulla traduzione delle poesie di Seamus Heaney. La studentessa è emozionatissima, il relatore introduce il lavoro spiegandone… Continue Reading “Seamus Heaney, The Rain Stick”

Flashback 135 – Reset

18 Di colpo, si è alzato il vento. Qui, vicino al mare, è sempre così, anche d’estate. Quando tutto sembra tranquillo arriva il vento, improvviso, con forti raffiche. Mentre lei suona una canzone nuova, provo a immaginare il mare in tempesta e penso sia… Continue Reading “Flashback 135 – Reset”

Thomas Bernhard, Sulla terra e all’inferno

La prima raccolta di poesie di Thomas Bernhard, Auf der Erde und in der Hölle (Sulla terra e all’inferno) fu pubblicata nel 1957.  Alcune liriche vengono proposte qui nell’originale in tedesco e nella mia traduzione.  Nel percorrere questi versi non sfuggiranno certamente le suggestioni che derivano… Continue Reading “Thomas Bernhard, Sulla terra e all’inferno”

(Ri)Leggere Beppe Salvia: L’improvviso editto (1980)

Beppe Salvia L’improvviso editto 1 A un tempo son certo adesso e della inutile mia prova e della sua bellezza goffa austera; .             ridetemi appresso continuerò a mentire; mai seppi scrivere e nessun metro grammatico voglio che mi… Continue Reading “(Ri)Leggere Beppe Salvia: L’improvviso editto (1980)”

Anna Toscano – my camera journal 15

Sono qui a venti metri da terra, vi guardo da qui. Sono una Marianna francese creata da uno scultore genovese per una piazza brasiliana. Non mi ha mai pesato impugnare una spada nella mano destra anziché un ramo di olivo, perché con la sinistra… Continue Reading “Anna Toscano – my camera journal 15”

in-side stories #11- Benvenuti Filippo

In-side stories #11 – Benvenuti Filippo Si procede con una breve descrizione del soggetto: Il soggetto si chiama Benvenuti Filippo, nato a Rovigo il 25/12/1963, residente a Milano in via Sardegna, civico 12. Il soggetto svolge lavoro di programmatore informatico presso la ditta Bookware… Continue Reading “in-side stories #11- Benvenuti Filippo”

Andrea Inglese -Lettere alla reinserzione culturale del disoccupato

[Leggendo la nuova raccolta di Andrea Inglese, Lettere alla reinserzione culturale del disoccupato (Italic Pequod 2013)  ci si trova di fronte a due movimenti, uno di dispersione totale e un altro di concentrazione massima, equivalenti alla ripartizione della silloge in due sezioni: Le lettere alla… Continue Reading “Andrea Inglese -Lettere alla reinserzione culturale del disoccupato”

Alessandro Bertante – Estate crudele

Alessandro Bertante – Estate Crudele –Rizzoli 2013 – euro 17,00 – ebook 11,99   L’estate del 2003 è stata una delle più calde degli ultimi anni. Per Milano fu un’estate soffocante, l’aria sembrava fosse stata trasportata da un’altra parte. Il respiro era diventato qualcosa… Continue Reading “Alessandro Bertante – Estate crudele”

La domenica (certe case) e Silvina Ocampo

  Era la casa della mia zia più anziana, dove mi portavano in visita tutti i sabati. Sopra l’atrio con il soffitto a lucernario c’era un’altra casa misteriosa, dove si vedeva vivere attraverso i vetri una famiglia dai piedi aureolati come santi. Lievi ombre… Continue Reading “La domenica (certe case) e Silvina Ocampo”

Davide Zizza: frammenti (inediti)

vista dal promontorio di Capocolonna (foto dell’autore) 1. Sembra un concerto questo giorno di luglio; sazio di sole e di rumori naturali, mi avvicino e mi affaccio ad un silenzio, provo a cercarmi nei meandri di una parola o di uno sguardo – e… Continue Reading “Davide Zizza: frammenti (inediti)”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: