“Conservazione della Specie”. Poesie di Baldo Meo

*

A SALVEZZA DI MENTI INFELICI

Contempliamo fiori
per salvarci dall’inferno.

Coltiviamo piante
come argine a una cupa follia.

Mentre puliamo le mani dalla terra
sentiamo che al sole
ogni cosa è buona.

*

Per lunghi anni ho guardato

Per lunghi anni ho guardato
fuori della finestra
appena sveglio la mattina –
più per abitudine,
per una forma di saluto,
per prepararmi al clima.
Ancora oggi alzo le persiane
prima di ogni cosa –
guardo in strada, guardo in cielo
e non mi aspetto nulla.

*

LA CIOTOLA

Piena d’acqua o piena d’aria
non sono mai vuota,
ma resto in attesa
di completare una sfera.

*

IL RAMO

Nell’ incompiutezza la mia forza,
nella forza la mia precarietà,
nella precarietà il mio destino,
nel destino la mia pazienza,
nella pazienza la mia bellezza.

*

Preferisci ciò che è minuto

Preferisci ciò che è minuto-
la donna, il fiore, la casa.

Sul guanciale dove riposi –
la bellezza dell’insetto.

*

L’ARCHITETTO

Il nostro pensiero è sempre più torbido, confuso, inadatto.
Per questo abbiamo bisogno – è lo scopo dei nostri giorni –
di pareti pulite, pochi oggetti, accordi essenziali.

*

IL COMPITO

La vita ci chiede anche questo –
comporre armonie per rassicurarci,
inserire le nostre voci
in un ordine benigno.

Col tempo ho imparato ad accettare
la moltitudine che si affolla dentro di noi –
ad aver pazienza, ad essere cortese
con una mente frantumata.

*

baldo meoNOTA BIO BIBLIOGRAFICA

Baldo Meo è nato a Roma nel 1957. Ha pubblicato le sue prime poesie su “Alfabeta”e “Paragone”. Per diversi anni ha collaborato a riviste e quotidiani, occupandosi di letteratura angloamericana e di poesia italiana. Nel 1993 è uscito il suo primo libro, Porte e finestre (Campanotto). Del 2003 è invece Parole su scale (Mobydick), finalista alla XVII edizione del Premio “Lorenzo Montano”. Alcune sue poesie sono apparse nel 2006 nell’“Almanacco dello specchio”, Mondadori. Nel 2010 esce Epifanio e altre meditazioni (LietoColle), con il quale l’anno successivo vince il premio “Luciana Notari”. Il libro è anche finalista al premio Mauro Maconi, sempre nel 2011.

Qui puoi scaricare il pdf dell’articolo

9 commenti su ““Conservazione della Specie”. Poesie di Baldo Meo

  1. Pingback: “Conservazione della Specie”. Poesie di Baldo Meo | Arte, Cultura, Poesia

  2. trovo meravigliosa “Preferisci ciò che è minuto”: perfetta nella sua brevità!

    "Mi piace"

  3. Pingback: Poesie di Baldo Meo | il lunedì degli scrittori

  4. Anche secondo me ” Preferisci ciò che è minuto” è una poesia bellissima, nella sua perfezione e semplicità. Consiglio per una maggiore lettura il suo ultimo libro ” Epifanio e altre meditazioni” un libro bellissimo, sicuramente uno dei più originali degli ultimi anni come fermezza di misura e messaggio.
    Ancora un grazie a Baldo Meo per la disponibilità.

    "Mi piace"

  5. Piaciuto molto ‘sto poeta … Trovo che riflettere sul significato delle piccole cose, intime, sia altrettanto difficile che trattare di massimi sistemi. Meo, che non conoscevo, sembra saper maneggiare la quotidianità per estrarne poesia.

    "Mi piace"

  6. Piena padronanza dell’equilibrio della parola ed evidente ricerca di potenza
    a levare. Sembra una traccia capace di aggiungere altro spessore al
    percorso di un poeta estremamente serio. Ma per chi frequenta ad occhi
    aperti le librerie Meo è da anni una sorta di star silenziosa del mondo
    sotterraneo. Un peccato le sue pause di pubblicazione

    "Mi piace"

  7. Precarietà e pazienza: la poesia, come la vita, è anche questo. Aggiungerei la misura, con discrezione, nell’intimo percorso di questi testi. Una misura non minima, ma temperata, caro Baldo.

    "Mi piace"

  8. Ringrazio Gino Di Costanzo, Marco Piscitello e Alberto Toni per i loro interventi, tutti e tre hanno scritto di come la poesia di Baldo Meo sposi l’intimità e la misura della parola, con la precarietà e la pazienza che giustamente sono simili alla vita e alla buona poesia di sempre.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: