Giorno: 13 Mag 2012

Fuori di testo (nr. 18)

Madame Sitrì

Sogna l’anima in pena di inabissarsi
in fondo agli occhi della sirena
verdi come l’assenzio
che la notte brilla sul mare nei porti
cantava quel marinaio che dalla mia terra
non volle salpare

Viaggio d’andata senza ritorno
bella Livorno, mi fermo qui
dentro a un bordello come apparì

Soldati poveri cristi
vanno al calvario col fucile in mano
qualcuno dal paradiso
volle passare senza ammazzare

Viaggio d’andata senza ritorno
bella Livorno, mi fermo qui
verso l’inferno o al paradiso
come al bordello Madame Sitrì.

 

 

 

Bobo Rondelli
(da “Per amor del cielo”, 2009)