Giorno: 12 Mag 2012

Innenansichten – Un e-book a Berlino

La casa editrice Lettrétage in collaborazione con l’Istituto Italiano per la Cultura di Berlino ha pubblicato un’antologia italo-tedesca di poeti italiani contemporanei in formato e-book, presentata nel corso di un incontro a Berlino sulla poesia italiana. Gli autori antologizzati hanno a loro volta ciascuno indicato  un poeta a scelta, anch’esso tradotto nell’e-book.

Gli autori antologizzati sono

Andrea Inglese – Giuliano Mesa

Natàlia Castaldi – Gianni Montieri

Viola Amarelli – Luigi Di Ruscio

Plinio Perilli – Pierluigi Cappello

Nina Maroccolo – Andrea Ponso

Francesco Forlani – Lidia Riviello

Per scaricare gratuitamente l’e-book basta cliccare QUI

Buona lettura

Paolo Valesio – poesie (da riscoprire) – “prose in poesia”* (post di Natàlia Castaldi)

Paolo Valesio

Paolo Valesio

Soli,  si  è  ridicoli.

Uno che si prende cura di se stesso, che si ordina

le cose buone;

quando è in compagnia:  è  complice, è  piacevole.

Ma quando è solo e fa così, sta fra lo schifo e

il patetico.

Il solitario che si prende metodica mente cura

di se stesso,

è come uno che si spazzi il culo con biglietti da

diecimila.

Per esempio, la cameriera ti sta di fronte

(in una trattoria in fondo a una calle)

e ti recita il loro repertorio di primi e secondi

ed ammennicoli vari.

In compagnia, scegliere sarebbe un piccolo rito

irto (di  delicatezze e sottintesi),

ma al fondo divertente

(diverte da più gravi cure).

Ma da solo?

Stai con il dito sospeso in aria, pronto a

proferire,  professorale.

E all’imporvviso  ti

(scarto di pochi secondi, la cameriera non ha

ancora cominciato ad impazientirsi)

chiedi:

Ma che sto a fare con questo ci-ci-ci?

Ci-ci, voglio la bieta coll’olio,

no vorrei l’insalataverde ci-ci che buona,

anzi no gradirei la cicoria all’agro.

Ma chi se ne importa, di quello che gradisci?

Se comincia ad importarne troppo a te,

ha inizio la tua scivolata nelle tenebre,

lungo l’asse inclinato e unto di sapone.

La scivolata, la corsa a diventare uno zitello

maniaco.

Sempre il solito –

Professore come sta? –

angolino, con il portatovaglioli personale.

Tutte le finezze piccole:

riporre in frigidario il bicchiere di succo di pompelmo

appena spremuto così da berlo poco dopo bene

ghiacciato.

O al contrario riscaldare bene la teiera

sciacquandola con acqua calda prima di introdurvi le

fogliette e sopravversarvi l’acqua bollente per l’infusione.

Ecco, se queste fossero arruffianate per una donna che si

porta a casa per la prima volta,

bene. Ma quando sei tu che le fai a te,

è così triste,

da esser venata di pazzia,

cosa.

E pure, che scivolata nel buio, che altra

scarpata, quando il solo comincia a lasciarsi andare.

Avvisaglia che la fine è lentamente incominciata:

Quando il solo –

in caffetterie o posti, per pasti, di ristoro –

non più ordina piatti, ma addirittura fa le ordinazioni.

Cioè, il povero solo parla con lo stesso gergo che i camerieri

usano tra loro:

<<Due prosciutto, per favore>>.

Ma come osi, ma che lingua usi?

L’uomo deve impiegare le parole senza ellissi,

scandirle tutte:

<<Due (pausa) panini (pausa) al (pausa) prosciutto (pausa)

per (pausa) favore>>.

Altrimenti, uno comincia a non farsi più risuolare le scarpe,

ed è la fine.

Oppure, l’altra sera al caffè, un uomo di quelli che la

crudele voce del popolo chiama <<ometti>>.

E’ al telefono, e all’altro capo del filo debbono avergli

chiesto il nome:

<<Dica che ci sarebbe un certo Colliva>>

Senza ironia lo diceva, giuraddio, senz’ombra di scherzo.

<<Ci sarebbe>>! <<Un certo>>!

Così si è già, dimessamente, assassinato.

Lei diceva in una sua lettera

(tiposcritta, a differenza delle altre manoscritte):

Niente a me sembra più personale della solitudine

(penso però all’Atto della Morte) comunque scusa il tono

bizzarro ne do la colpa alla luna.

Sono quei pensieri fondi

che è vero anche

(nausea di vertigine)

il loro contrario:

chi è solo perde la verifica

nei volti degli altri,

perde la sua persona.

Non essere mai guardati

è pochi passi al di qua dell’orrore di essere ciechi.

E non essere ascoltati?

Si racconta che un giorno,

mentre il futuro grande archeologo Enrico Schliemann

quattordicenne

lavorava da garzone nella drogheria di un piccolo paese

tedesco Fürstenberg,

entrò un vagabondo e ubriacone.

Si appoggiò al bancone;

drappeggiandosi sopra come se fosse un grande tappeto

sudicio gettato di traverso su un letto.

Cominciò a recitare versi con tonante voce

e con la scandita enfasi sprezzante

di chi sa di non essere ascoltato

né per questo rinunzia a parlare il meglio che può,

a far suonare la sua tromba nel vuoto.

Ma questa volta il vuoto era abitato:

Schliemann ascoltava,

rapito ancor prima di capire.

Domandò: i versi erano dall’Iliade.

Da quel giorno il garzone risparmiava i centesimi

così da poter pagare al vagabondo,

ogni volta che, slam!, egli compariva sulla soglia aperta

battendo la porta,

un bicchiere d’acquavite:

che lo persuadeva a ripetere quei versi.

Così il giovane assetato di più che acquavite

pagava per ascoltare.

Fiamma pura,

desiderio di sapere?

Sì; forse; anche.

Ma non tutto è trasparente in questo ascoltare a bocca

semiaperta intento.

Molti uomini, sulla collottola il grasso gli si ispessisce,

mentre crescono i loro anni,

s’ingrassano i loro portafogli,

molti uomini sovente pagano per ascoltare.

Ma, Enrico Schliemann?

Sperimentò che si può anche pagare per essere

ascoltati.

Ventiduenne ad Amsterdam, commerciante,

insegnava la lingua russa a se stesso; con:

una vecchia grammatica

un vocabolario

una traduzione del Telemaco.

Studiava su questi, dunque, libri –

da solo; mandava il Telemaco a memoria.

Ma così forte gridava in declamarlo

che la voce

(doveva essere un taurino,

un sanguigno)

rimbombava fra le pareti della sua stanza nuda

(uomo ossesso dalla sua idea,

non badava dove viveva;

bivaccava in un deserto di mobili).

Proteste dei vicini:

due mutamenti d’alloggio.

Pensò allora che un ascoltatore lo avrebbe,

con la sua presenza mera,

aiutato;

a moderare il tono della voce,

a entrare nella civiltà,

a essere più umano più conversativo.

Ma chi avrebbe mai voluto ascoltare lui zoppicante in russo?

__________________

Paolo Valesio nasce a Bologna nel 1939. Attualmente risiede  New York dove insegna Lingua e Letteratura italiana alla Columbia University.

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo:

L’ospedale di Manhattan, romanzo, Editori Riuniti, Roma 1978;

Il regno doloroso, romanzo, Spirali, 1983;

Prose in poesia, raccolta di versi, Guanda, Milano 1979;

NightchantSnowapple Press, 1995;

Every Afternoon Can Make the World Stand StillGradiva, 2002;

Per approfondimenti e aggiornamenti si rimanda al SITO INTERNET dello stesso Valesio.

____________________

*la dicitura “Prose in poesia” era inizialmente stata apposta quale sottotitolo alla raccolta “V ae” dallo stesso Valesio.