Giorno: 15 aprile 2012

STORIA – Giovanni Giudici

STORIA – Giovanni Giudici

Ho avuto sì una storia – quel tale del treno
Mais sans jouir e una volta soltanto
E sul sofà – e nemmeno
Proprio nudi benché l’atto fu quello –
Macché giovane e bello: basso, grasso
Pieno di boria tra il furbo e lo scemo
Quando racconta che ha molto vissuto

—-

Però è stato gentile una sera di neve
Io tutta lieve e te lontano un abisso
Da tanti pianti che mi avevi fatto fare –
Volevo cancellare le mie pene
Volerti non troppo bene:
Anche se intanto tu eri tornato esemplare
Mio solo tutto amore al mio servizio

—-

Ma il ricordo mordeva come un vizio
Quando è successo a marzo una mattina
Alle cinque nel buio graffiata da uno squillo:
Ti piacerebbe un giretto d’oblìo?
Non dirmi cosa avresti risposto tu
Perché a rispondere c’ero io –
Alles gute, mi vesto e sono giù

Fuori di testo (nr. 14)

Vorrei

Ogni cosa è al suo posto
quando al mattino la luce è chiara
tutto si posa leggero nell’aria
sembra un sorriso
sorride gentile
tutto si posa leggero nell’aria

E ancora come ieri
hai sguardi dolci per me
percorro i tuoi sentieri
ho sguardi dolci per te
vorrei vorrei vorrei
portarti al mare
fare l’amore
dimenticare le cose amare

Ogni cosa è al suo posto
ti sei vestito bene
hai fatto il caffè
fuori non piove
ed hai un sorriso grande, grande, grande
più grande di te

E ancora come ieri
hai sguardi dolci per me
percorro i tuoi sentieri
ho sguardi dolci per te
vorrei vorrei vorrei
portarti al mare
fare l’amore
dimenticare le cose amare

Vorrei vorrei
vorrei vorrei vorrei
ancora sognare non mi svegliare
non farmi vedere le cose nere

Ogni cosa è al suo posto
quando al mattino la luce è chiara
tutto si posa leggero nell’aria

E ancora come ieri
hai sguardi dolci per me
percorro i tuoi sentieri
ho sguardi dolci per te
vorrei vorrei vorrei
portarti al mare
fare l’amore
dimenticare le cose amare

Vorrei vorrei
vorrei vorrei vorrei
ancora sognare
non mi svegliare
non farmi vedere
le cose nere.

 

 

 

Roberta Carrieri
(da “Dico a tutti così”, 2009)