Giorno: 9 novembre 2011

Solo 1500 n. 21 – Lo “scuorno”

Solo 1500 n. 21 – Lo “scuorno”

Il primo quarto d’ora, in classe, del lunedì mattina poteva essere terribile. Quei quindici minuti (che normalmente sarebbero stati, a seconda delle volte: preoccupanti per un’interrogazione o soltanto noiosi per la fine ufficiale del weekend) diventavano disastrosi per due soli motivi: la sconfitta del Napoli la domenica, o un tentativo di approccio-bacio-pomiciata-sesso con compagna di classe andato male. Occorre, però, fare le debite distinzioni. Il primo caso dava sintomo doloroso, il secondo era vergogna pura. Quando perdeva il Napoli, perdevamo (quasi)  tutti insieme. Quando fallivi con una ragazza, perdevi solo tu e l’eventuale scuorno era tutto tuo. Lo scuorno nasceva dall’eventuale racconto del rifiuto. Se la ragazza si trasformava in stronza e diceva anche a una sola amica cose tipo: “Uè, ma tu lo sai che sabato sera quello ha provato a baciarmi? Gesù, ma quanta confidenza…la prima volta che una esce…poi nemmeno mi piace assai”. L’amica: “Ma tu davvero stai facendo? Hai capito pare timido timido..”. Alle otto e mezza suonava la campanella, a quel punto la parte femminile della classe: sapeva, entro pochi minuti avrebbero saputo anche i maschi. “Ma veramente hai acchiappato i pali con quella? Uà, quella si fa a tutti!”. Tu diventavi di cento colori. Ti veniva mal di stomaco, mal di testa. Lo scuorno. Arrivava l’amico che diceva (mentendo): “Ma che te ne fotte, quella è un cesso”. Troppo tardi. Il bacio mancato era già tragedia. Solo una cosa poteva salvarti: che il Napoli avesse perso. Allora per autodifesa, “schiattando in corpo”, per salvarti, tifavi contro.

Gianni Montieri

qui i link per leggere i tre numeri precedenti: n. 20  n. 19 n. 18