One comment

  1. ALTRI EVENTI

    AZIONE N° 1

    Venerdì 4 Novembre ore 21 – Libreria Modo Infoshopo –
    Via Mascarella 24/b – BOLOGNA

    reading con Dina Basso, Jacopo Ninni, Enzo Campi
    e con un’introduzione critica di Patrizia Dughero


    AZIONE N° 2

    Mercoledì 9 novembre ore 21

    CIRCOLO CERIZZA – Via Meucci 2 – MILANO

    Nell’ambito della rassegna “I MERCOLEDÌ DEL CERIZZA”
    a cura di Anna Lamberti Bocconi, Francesca Genti, Luciano Mondini

    reading con

    Francesco Marotta, Enrico De Lea, Jacopo Ninni, Enzo Campi

    AZIONE N° 3

    Venerdì 11 Novembre ore 21.00

    HUB CAFE’ – Piazzale Bertozzi -PARMA

    reading

    con Luca Ariano, Lorenzo Mari, Marco Bini, Jacopo Ninni, Enzo Campi

    AZIONE N°4

    SABATO 12 NOVEMBRE ore 18.00
    BOLOGNA
    LIBRERIA DELLE MOLINE
    Via delle Moline 3/a

    reading
    con Vincenzo Bagnoli, Loredana Magazzeni, Jacopo Ninni, Enzo Campi

    LETTERATURA NECESSARIA – ESISTENZE E RESISTENZE

    Lo scopo del progetto è essenzialmente quello di far CIRCOLARE i libri e le cosiddette “risorse umane” creando dei momenti di aggregazione, scambio e confronto che possano abbattere qualsiasi tipo di divisione ideologica, editoriale, di mercato, ecc., mettendo in comunicazione tra loro diverse e svariate realtà che operano nel settore o che sono impegnate in tal senso. Quello che conta qui è una vera e propria “messa al lavoro” della letteratura. Semplificando e riducendo, si potrebbe dire che se le “esistenze” sono riconducibili ai libri, in quanto oggetti fisici, le “resistenze” rappresentano le “azioni” di quei “soggetti” fisici che producono i libri. Aggiungendo una sola caratterizzazione: il fatto di ostinarsi, per esempio, a produrre e a “spacciare” poesia, oggi come oggi, deve essere considerato come un vero e proprio “atto politico”. In tal senso ogni azione di questo tipo viene a rivestirsi di un plusvalore sociale. “Letteratura necessaria” è un progetto che vuole rendersi pratico, concreto e tangibile. Qui si tratta di far sì che la necessità di mettersi in gioco in prima persona diventi l’aspetto preponderante della diffusione della letteratura come atto corporeo, politico e aggregativo. L’idea di fondo è quella di ovviare alla sempre più imperante DISPERSIONE che caratterizza, in negativo, l’attuale panorama letterario nazionale e di creare una sorta di rete che permetta la costituzione e la ripetizione di eventi collegati tra loro ove far interagire realtà letterarie e realtà editoriali, in un regime non competitivo, ma collaborativo. “Letteratura necessaria”, beninteso, non vuole essere un movimento tematico, ma pluritematico, volto a certificare la propria “esistenza” e a diffondere una sorta di “resistenza”. Resistenza a chi e a cosa? A tutto ciò che è privazione, restrizione, negazione, omologazione, ghettizzazione, a tutto ciò che lede i propri diritti, che ripropone gli stessi, triti e ritriti canoni letterari. In poche parole il progetto, almeno in fase concettuale, nasce “in costruzione” e crescerà sempre “in costruzione”, assorbendo e consolidando, di volta in volta, necessità, urgenze, tematiche e facendosi portavoce di messaggi che possano rientrare nei concetti di necessarietà, esistenza e resistenza. (Enzo Campi – Reggio Emilia – Settembre 2011)

    Mi piace

I commenti sono chiusi.