Giorno: 2 settembre 2011

CANTILENA DEI MIGLIORI

Incerti tra il coraggio e la viltà

da uomini perbene marciremo.

Noi contro le divise

vestiti di pace borghese

marciremo nel giro di un mese.

Depositari inerti del libero pensiero

sobillatori cauti di pure autocensure

prudenti sovversivi di marce variopinte

ribelli mogi e miti dai sogni svaporati

stremati rivoltosi da troppa indignazione

veementi sediziosi da pausa caffè

istigatori pratici di saggi emendamenti

(nel retto Parlamento dell’era del profitto)

apostoli ferventi dell’etico mercato

propensi umanitari alle guerre doverose                                        

seguaci senza dubbi

del comico tribuno con staff elettorale

del conduttore eretico del cerchio e della botte

del redattore integro con penna da sionista

del pifferaio narrante col suo bell’orecchino

del giovane scrittore con scorta di tivù …

Orfani piangenti dei bei tempi

civili dissidenti senza macchia

probi deleganti d’ogni specie                                                

compagni masturbanti da ogni dove

aborti inconsapevoli di ciò che fu sinistra

l’orrenda esalazione che sale mollemente

è la nostra opposizione che va in putrefazione.

L’erotismo è arte #1: Anaïs Nin

Caro Collezionista…

Caro collezionista, noi la odiamo.
Il sesso perde ogni potere quando diventa
esplicito, meccanico, ripetuto, quando diventa
un’ossessione meccanicistica. Diventa una noia.
Lei ci ha insegnato più di qualunque altro quanto
sia sbagliato non mescolarlo all’emozione, all’appetito,
al desiderio, alla lussuria, al caso, ai capricci, ai
legami personali, a relazioni più profonde che ne
cambiano il colore, il sapore, i ritmi, l’intensità.
Lei non sa cosa si perde con il suo esame al
microscopio dell’attività sessuale, con l’esclusione
degli aspetti che sono il carburante che la infiamma.
Componenti intellettuali, fantasiose emotive.
Questo è quel che conferisce al sesso la sua
struttura sorprendente, le sue trasformazioni
sottili, i suoi elementi afrodisiaci.
Lei sta rimpicciolendo il mondo delle sue sensazioni.
Lo sta facendo appassire, morir di fame, ne sta
prosciugando il sangue.
Se lei nutrisse la sua vita sessuale con tutte le
emozioni e le avventure che la passione inietta nella
sessualità, sarebbe l’uomo più potente del mondo.
La fonte del potere sessuale è la curiosità, la
passione. Lei sta lì a guardare questa fiammella
morire di asfissia. Il sesso non prospera nella
monotonia. Senza emozioni, invenzioni, stati
d’animo, non ci sono sorprese a letto.
Il sesso deve essere innaffiato di lacrime,
di risate, di parole, di promesse, di scenate,
di tutte le spezie della paura, di viaggi all’estero,
di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di
fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino.
Quanto perde con questo suo periscopio sulla
punta del pisello, quando invece potrebbe
godersi un harem di meraviglie tutte diverse e
mai ripetute! Non due peli uguali. Ma lei non
ci permetterà di sprecare parole sui peli;
neanche sugli odori, ma se ci dilunghiamo su
questo argomento lei si mette a gridare:
“Lasciate perdere la poesia!”
Neanche due pelli con lo stesso incarnato,
e mai la stessa luce, la stessa temperatura,
le stesse ombre , mai gli stessi gesti; perché
un’amante quando è infiammato veramente, può
esprimere i toni più sottili di secoli d’arte amorosa.
Quante sfumature, quanti cambiamenti d’età,
quante variazioni di maturità e di innocenza,
di perversità ed arte.
Siamo rimasti seduti per ore a chiederci
che aspetto lei abbia. Se ha reso i suoi
sensi indifferenti alla seta, alla luce, al
colore, all’odore, al carattere, al temperamento.
Ci sono tanti sensi minori, che buttano come
tanti affluenti nel fiume del sesso, arricchendolo.
Solo il battito unito del sesso e dell’animo può
creare l’estasi.