Giorno: 8 Mag 2010

Peppino Impastato – Poesie (post di natàlia castaldi)

Negghia
.
Paisi antichi comu lu tempu
fannu li vegghi a lu cori di la negghia
ma li pinseri vonnu passari
pi taliari se c'è un muru ca ni nega lu futuro
Comu furmichi senza abbentu
chi carriànu lu furmentu
ammuttamu sulu cu lui mani
suli trasi cu li mani
a negghia arrasi
Quannu spunta la matina
accarizzi l'acquazzina
e sta terra s'arrusbigghia
e addiventa meravigghia
Quanti pinseri hannu circatu lu cori di la negghia
quanti vrazza hannu pruvatu ad abbattiri stu muru
quantu cori
 (altro…)

A Peppino Impastato [9/05/’78- 9/05/2010]

Voglio accarezzare gli ideali di un piccolo grande uomo,ucciso per ciò che credeva,schiacciato dal potere di quella mano nera che ancora adesso regna su di una terra che amo e che scorre nel mio sangue.

Nella notte del 9 maggio del 1978,Peppino impastato veniva ucciso.
Domani, 9 maggio 2010 saranno 32 anni che mangia la terra, quella terra che ha sempre amato tanto.

Appartiene al tuo sorriso
l’ansia dell’uomo che muore,
al suo sguardo confuso
chiede un pò d’attenzione,
alle sue labbra di rosso corallo
un ingenuo abbandono,
vuol sentire sul petto
il suo respiro affannoso:
è un uomo che muore.

[Peppino Impastato]

Letargo

Un letargo mi avvolge,
è un rintocco di pendolo
tra sonno e veglia:
vegeto e palpito
come un ossimoro alla vita.
Osservo dal vetro
le foglie
una strada:
sono una guardona
estranea alla vita.
Poi succede,
succede e piccole perle
mi annebbiano gli occhi,
una pioggia di primavera:
è segno questo
che non tutto è perso

Risveglio dal letargo - Luca Pugliese