Giorno: 4 Mag 2010

LA SCURE DEL GOVERNO SUI DIRITTI DEI LAVORATORI (ed il mio secco NO!)

Articolo 24 della Costituzione italiana:

“Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi.
La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.
Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione.
La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari.”

Il governo e la maggioranza nel silenzio generale hanno varato una legge che toglie alle lavoratrici ed ai lavoratori il diritto di ricorrere al giudice quando subiscono un torto dal proprio datore di lavoro.
Questa legge era stata approvata nonostante l’atteggiamento critico da parte della CGIL, in quanto la legge rappresenta una vera e propria controriforma del diritto e del processo del lavoro. (altro…)