Giorno: 24 aprile 2010

POISON

M’inchiostro su strutture
di piombo
come se desiderassi
uccidere punte di colori
 
                            la luce sepolcrale
                              del razzismo
                                 s’illumina ancora
                                   di timbratura “doc”

voci, caratteri
onnipotentemente scolpiti
d’applausi di sindone
biancheggiano di normalità.
 
                             la ricerca dell’abisso
                                     storico si perde
                                          in lustro di cancellazione
                                                 allegorica
                                                     (non saremo mai esistiti)
 
 non  trasparirà traccia
di dignità, di verità diverse,
di vite non formattate
da compromessi  pubblicizzati
in back-up mnemonici
per assenza di cervello.