Fuorilegge – Natàlia Castaldi



Non è più tempo, non siamo noi nel tempo,
perchè Noi non esistiamo,
non ci siamo mai stati né mai ci saremo,
quando di noi resterà solo un pronome che
senza i nostri occhi, la nostra pelle, le nostre ossa,
troverà spazio davanti alla definizione temporale di un'azione
noi - Noi - non saremo che la coniugazione di un inganno reale,
un desiderio fuori tempo, fuorilegge.
.
(Natalia Castaldi) .(C

.

AUDIO

.

Otto versi. Otto versi per “distruggere” la vita con il senso dell’esistenza.

Noi non siamo.

Noi non siamo che pronomi vuoti posti – soggetti-oggetti – dinanzi al verbo della vita che si coniuga in un inganno reale. Chi sa questo è un fuorilegge – che non ha dove scappare.

Non ho altro da aggiungere (a parte scusarmi con l’autrice e chi leggerà/ascolterà per una voce che, oggettivamente, non rende un’adeguata interpretazione).

Luigi B.

9 comments

  1. Lascia stare che è da questa mattina che ci provo, ma nulla da fare: la mia voce mentale è molto più bella. Dopo aver ripetuto la lettura come un deficiente alle elementari una decina di volte, mi sono arreso ai dati di fatto. Però la poesia mi è piaciuta tanto e, non avendo molto da aggiungere (è, di per sé, abbastanza eloquente), non potendo scrivere un commento e non riuscendo a non fare nulla, mi sono deciso (vergognandomi anche un po’) a pubblicarne l’audio. Consideralo come un commento :)
    L

    Mi piace

  2. allora grazie Luigi per averci portato i versi di Natàlia
    l’immagine scelta raffigura orme che formano un ramo che giunge al mare
    giorni fa nel cortile c’era un lungo ramo di rosa, tenace e splendido, fuorilegge toccarlo piuttosto bearsi del suo splendore

    un saluto

    Mi piace

I commenti sono chiusi.