Giorno: 4 marzo 2010

Toco tu boca – Rayuela, Julio Cortazár

“Toco tu boca, con un dedo todo el borde de tu boca, voy dibujándola como si saliera de mi mano, como si por primera vez tu boca se entreabriera, y me basta cerrar los ojos para deshacerlo todo y recomenzar, hago nacer cada vez la boca que deseo, la boca que mi mano elige y te dibuja en la cara, una boca elegida entre todas, con soberana libertad elegida por mí para dibujarla con mi mano en tu cara, y que por un azar que no busco comprender coincide exactamente con tu boca que sonríe por debajo de la que mi mano te dibuja.

Me miras, de cerca me miras, cada vez más de cerca y entonces jugamos al cíclope, nos miramos cada vez más cerca y los ojos se agrandan, se acercan entre sí, se superponen y los cíclopes se miran, respirando confundidos, las bocas se encuentran y luchan tibiamente, mordiéndose con los labios, apoyando apenas la lengua en los dientes, jugando en sus recintos, donde un aire pesado va y viene con un perfume viejo y un silencio. Entonces mis manos buscan hundirse en tu pelo, acariciar lentamente la profundidad de tu pelo mientras nos besamos como si tuviéramos la boca llena de flores o de peces, de movimientos vivos, de fragancia oscura. Y si nos mordemos el dolor es dulce, y si nos ahogamos en un breve y terrible absorber simultáneo del aliento, esa instantánea muerte es bella. Y hay una sola saliva y un solo sabor a fruta madura, y yo te siento temblar contra mí como una luna en el agua”.

(Rayuela, de Julio Cortázar)

Tocco la tua bocca, con un dito tutto l’orlo della tua bocca, vado disegnandola come se uscisse dalle mie mani, come se per la prima volta la tua bocca si schiudesse, e mi basta chiudere gli occhi per disfare tutto e ricominciare, ogni volta faccio nascere la bocca che desidero, la bocca che la mia mano sceglie e ti disegna sul viso, una bocca scelta fra tutte, con sovrana libertà scelta da me per disegnarla con la mia mano sul tuo volto, e che per un caso che non cerco di capire coincide esattamente con la tua bocca che sorride sotto quella che la mia mano ti disegna.

Mi guardi, da vicino mi guardi, ogni volta più da vicino e allora giochiamo al ciclope, ci guardiamo ogni volta più da vicino e gli occhi ingrandiscono, si avvicinano fra loro, si sovrappongono e i ciclopi si guardano, respirando confusi, le bocche si incontrano e lottano tepidamente, mordendosi con le labbra, appoggiando appena la lingua sui denti, giocando nei loro recinti dove un’aria pesante va e viene con un profumo vecchio e un silenzio. Allora le mie mani cercano di affondare nei tuoi capelli, carezzare lentamente la profondità dei tuoi capelli mentre ci baciamo come se avessimo la bocca piena di fiori o di pesci, di movimenti vivi, di fragranza oscura. E se ci mordiamo il dolore è dolce, e se soffochiamo in un breve e terribile assorbire simultaneo del respiro, questa istantanea morte è bella. E c’è una sola saliva e un solo sapore di frutta matura, e io ti sento tremare stretta a me come una luna nell’acqua.

(Il gioco del mondo, di Julio Cortázar)

Cubismo e Surrealismo in Chagall tra Eros, Agape e Torah (post di natàlia castaldi)

Miguel de Unamuno nel 1923 dopo essersi imbattuto negli scritti di Pirandello, scrive un articolo intitolato Pirandello y Yo,  pubblicato nel ‘39 su “la Nacion”, in cui sottolinea la medesima lunghezza d’onda circa la visione della vita, dell’arte e della storia da entrambi sviscerata e sviluppata pur non conoscendosi e che appare invece profondamente legata nei due autori da un comune filo conduttore. Scrive Unamuno:

“È un fenomeno curioso e che si è dato molte volte nella storia della letteratura, dell’arte, della scienza o della filosofia, quello che due spiriti, senza conoscersi né conoscere una per una le loro opere, senza porsi in relazione l’uno con l’altro, abbiano perseguito uno stesso cammino ed abbiano tramato analoghe concezioni o arrivati agli stessi risultati. Si direbbe che è qualcosa che fluttua nell’ambiente. O meglio, qualcosa che è latente nelle profondità della storia e che cerca chi lo riveli” (VIII, 501).

“C’è un ingegno, X, un io più profondo del mio io empirico o fisiologico e che l’io empirico e fisiologico dello scrittore Pirandello, che ha cercato ingegno in lui ed in me, un Io X, come direbbe Silvio Tissi, un altro scrittore italiano. E questa distinzione fra l’io empirico o fisiologico e l’io trascendente -forse immanente- o storico è ciò che apparenta le nostre singole opere, quella di Pirandello e la mia” (VIII, 501-502).

 

Uscendo dal contesto Unamuno-Pirandello ed estendendo questo concetto a tutta la produzione artistica di un dato secolo, sia essa pittura, scultura, cinema, musica, poesia, narrativa …,  diremmo quindi, che il pensiero è un qualcosa di a sé stante, fluttuante ed in costante divenire che va a permeare di epoca in epoca, e quasi inconsapevolmente, l’operato di ogni artista intrecciando nessi e stringendo legami nel simbolo, nell’immagine, nel suono, nel grido che ciascun autore esprime nella propria forma d’arte.

****

Cubismo e Surrealismo in Chagall – Eros, Agape  e Torah

M. Chagall – la tenerezza

“Mio padre aveva gli occhi azzurri, ma le sue mani erano piene di calli. Egli lavorava, pregava e taceva. Osservai le mie mani. Erano troppo delicate… Dovevo cercare un’occupazione che non mi costringesse a voltare le spalle al cielo ed alle stelle e che mi consentisse di trovare il senso della mia vita”. dall’autobiografia di Marc Chagall

Osservare i quadri di Chagall è tuffarsi nell’immaginifico ed evocativo mondo della poesia e dell’emozione. In lui ogni aspetto della vita, dal quotidiano allo spirituale, sembra uscire dalla penna-pennello d’un poeta d’emozioni, e temi come l’amore, la solitudine, la città natale, la festa, i suonatori di shofar (il corno di montone della tradizione liturgica ebraica)  il circo, la guerra e la morte prendono forme oniriche popolate di galli, cavalli, mucche, agnelli, tori, sposi amanti, traslati in un mondo distaccato, come in volo, facendoci compiere un’immersione nell’azzurro cristallino dell’occhio che vede oltre il reale, terso dalle nuvole, al di sopra dei tetti.

M. Chagall – interno d’abitazione

Tuttavia, bisogna dire che non si può prescindere nella lettura delle sue opere dalla considerazione del suo stretto legame con la Torah, o meglio, dal rapporto fra la Torah e la simbologia utilizzata nella sua pittura, che assume sempre nuovi risvolti di senso adottando simbologie sempre più complesse, che finiscono per creare un dizionario simbologico che ha poco a che fare con la Torah, pur essendone stata punto d’origine e fine.

Nel primo Chagall, ad esempio, troviamo una ragazza intenta a disegnare  un agnello, immagine sì sacra quanto naturale nell’immaginario di una ragazza di campagna intenta a disegnare, e poi ancora una successione di quadri che rappresentano scene del quotidiano, interni d’abitazione, animali domestici e aie pullulanti di galli ed agnelli, quindi, vediamo come in questa prima fase artistica l’ordinario e comune simbolo quotidiano e domestico, per mano di Chagall viene a fondersi oniricamente con significati più che sacri, comuni ad un immaginario fantastico della tradizione popolare, che affollerà via via tutto il suo universo artistico.

M. Chagall – Io ed il villaggio

Nelle illustrazioni della Torah dei primi anni ’30, invece, troviamo “trascrizioni” precise dei testi sacri  prive di simbolismo fantastico ed assolutamente aderenti alle sacre scritture.  Tutto appare “reale”, la descrizione paesaggistica è verosimile, essendo state tra l’altro realizzate successivamente ad una serie di viaggi-pellegrinaggio in Palestina. Si tratta di rappresentazioni di grande ed intensa spiritualità in cui, ad esempio in “Abramo”, l’immagine dell’agnello è ora fedele descrizione biblica del sacrificio di Isacco, nel cui sfondo però si intravede la scena della Crocifissione, quasi ad anticipare un senso drammatico di impotenza davanti alla malvagità storica, cui nessun popolo pare sapersi sottrarre.

M. Chagall – Il sacrificio di Isacco

La simbologia di Chagall non prescinde, inoltre, dal dolore di un’epoca macchiata dall’infamia della shoa, così saranno del periodo americano il “Cristo ebreo”, opera in cui ritrae un Cristo sulla Croce ricoperto da un tallit (tallet,  mantello quadrangolare della tradizione ebraica che presenta un fiocco per ogni lato), che divenne presto icona di contestazione e rivendicazione del dolore di un intero popolo “crocefisso”. Sembianze Cristologiche verranno molto più tardi, nel 1975, attribuite anche al suo “Giobbe” dipinto nel quale ritroviamo la simbologia degli agnelli accostata ad un crocefisso, anch’esso polemicamente presente nel quadro.

M. Chagall – Il Cristo Ebreo

Nel Cantico dei Cantici, invece, Chagall sembra fondere l’attenzione del Surrealismo –  di cui nella sua opera di maturazione e superamento/interiorizzazione del Cubismo,  può considerarsi a pieno titolo precursore –  per l’Eros con la tradizione mistica dell’Agape in un unicum d’amore ascendente e discendente, che rapisce al di là della potenza espressiva dei versi, ad essi plasmandosi magicamente:

M. Chagall – Il cantico dei cantici

7-11 Io sono per il mio diletto
e la sua brama è verso di me.
7-12 Vieni, mio diletto, andiamo nei campi,
passiamo la notte nei villaggi.
7-13 Di buon mattino andremo alle vigne;
vedremo se mette gemme la vite,
se sbocciano i fiori,
se fioriscono i melograni:
là ti darò le mie carezze!

M. Chagall – Il cantico dei cantici

2-6La sua sinistra è sotto il mio capo
e la sua destra mi abbraccia.
2-7
Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme,
per le gazzelle o per le cerve dei campi:
non destate, non scuotete dal sonno l’amata,
finché essa non lo voglia.

M. Chagall – Il cantico dei cantici

3-16 Lèvati, aquilone, e tu, austro, vieni,
soffia nel mio giardino
si effondano i suoi aromi.
Venga il mio diletto nel suo giardino
e ne mangi i frutti squisiti.

M. Chagall – Il cantico dei cantici

 3-4 […] quando trovai l’amato del mio cuore.
Lo strinsi fortemente e non lo lascerò
finché non l’abbia condotto in casa di mia madre,
nella stanza della mia genitrice.

M. Chagall – Il cantico dei cantici

4-1 Come sei bella, amica mia, come sei bella!
Gli occhi tuoi sono colombe,
dietro il tuo velo.
Le tue chiome sono un gregge di capre,
che scendono dalle pendici del Gàlaad.

 

 

Chagall, aderì al gusto per le forme del Cubismo personalizzandolo e interiorizzandolo fino ad arricchirlo di visioni fantastiche, surreali e mistiche, derivanti dalla sperimentazione diretta del malessere di un’epoca che lo portò a vivere la Rivoluzione Sovietica e l’esperienza della persecuzione nazista. A Chagall la capacità di penetrare la spiritualità rivivendola e ripercorrendola simbolicamente fino a dar voce alla sofferenza e significato al dolore, quasi a voler dire, dissacrando-sacralmente, che la malvagità, tipicamente umana, sovrasta qualunque credo religioso, qualunque fede.

 

Note:

*La Torah è formata da 5 libri e per questo essa è anche chiamata Pentateuco. Fu scritta da Mosè su ispirazione divina e contiene le leggi del popolo ebraico, tra cui i Dieci Comandamenti, e la sua storia fino alla morte di Mosè. I 5 libri sono: Genesi (Bereshìth); Esodo (Shemòth); Levitico (Vaikrà); Numeri (Bemidbàr); Deuteronomio (Devarìm).

*** *** *** ***

Brevi cenni Biografici:


Marc Chagall nacque a Liosno, presso Vitebsk, in Bielorussia nel 1887 da una famiglia di religione ebraica lituana. Studiò all’accademia di Pietroburgo fino al 1910, quando si trasferì a Parigi. Qui conobbe, venendone affascinato, Fauvismo e Cubismo ed entrò in stretto contatto con gli ambienti artistici ed intellettuali del momento, divenendo amico di Guillaume Apollinaire e Robert Delaunay. E fu proprio grazie all’amicizia con Delaunay che conobbe Herwarth Walden, musicista e gallerista berlinese, che nel 1914 allestì per lui una mostra personale presso la famosa galleria Der Sturm. Nel 1914 per via della guerra fece ritorno a Vitebsk, dove fondò l’Istituto d’Arte, di cui fu direttore fino al 1920. Trasferitosi a Mosca, si dedicò alla realizzazione degli allestimenti e delle decorazioni per il teatro ebraico statale “Kamerny”, per poi ritornare nel ’23 a Berlino e dopo poco nuovamente a Parigi dove gli vennero commissionati, dall’amico Ambroise Vollard, le illustrazioni di vari libri. Nel 1924 venne realizzata un’importante mostra su Chagall presso la Galerie Barbazanges-Hodeberg, mentre negli anni a seguire realizzò una serie di lunghi viaggi in Europa ed in Palestina. Nel 1933 si tenne una nuova esposizione delle sue opere presso il Kunstmuseum Basel ma a causa dell’ascesa del nazismo egli, ebreo, non si sentì più sicuro in Europa e preferì partire per l’America. Le sue opere vennero confiscate ai musei tedeschi. Nel 1947 fece ritorno a Parigi, stabilendosi poi definitivamente a Vence nel 1949. In quegli anni, superato il periodo di stasi creativa xche succedette alla morte dell’amata moglie Bella, si dedicò alla decorazione di grandi strutture pubbliche e nel 1962 realizzò le vetrate per la sinagoga dello Hassadah Medical Center di Gerusalemme e per la cattedrale di Metz. Del 1964 sono le pitture del soffitto dell’Opéra di Parigi e del ’65 le pitture murali sulla facciata della Metropolitan Opera House di New York. Nel 1970 sono le vetrate del coro e del rosone del Fraumünster di Zurigo ed il grande mosaico di Chicago. Morì a Saint-Paul-de-Vence nel 1985.

natàliacastaldi