Giorno: 1 marzo 2010

circo minimo

Passo nel cerchio di fuoco tra la terra
battuta dal vento ed un varco di cielo
spogliato da ogni premura, replica,
urgenza, fine virtuale.
Il cerchio perfetto: la morte. Il giro
del mite elefante con la zampa che preme,
la fauce arresa alla scimmia, la fune tirata
sopra la rete pronta a salvare l’equilibrismo
malato del passo

“direttore mi dica la prossima mossa”

la scena dell’uomo volante o la donna
cannone che piange l’amore del clown
e sogna un trapezio, la presa sicura
del nano felice

(applausi al leone che azzanna la testa:
è questa la festa?)

Il giocoliere richiama attenzione, la giusta
cadenza del gesto, la mossa veloce
nel tempo presente. Il dubbio se occorra
saltare è movenza d’istinto
che non sempre ci salva.